Purchè nulla cambi!

Condividi su i tuoi canali:

La casta politica,incurante, scandisce e determina tutti i passaggi a loro più consoni spacciandoli come la cosa più gradita da noi italiani

Anche se Bice è un settimanale, quando è possibile, è giusto che vengano riportate le ultime notizie della politica.

Per esempio:

          Il modenese on. Carlo Giovanardi lascia l’UDC

          La Rosa bianca diventa realtà concreta: Savino Pezzotta. Bruno Tabacci, Mario Baccini per ora sono  tra i più noti aderenti a questo nuovo movimento politico.              

        Si sta  andando alle elezioni anticipate.

Anche in questa occasione  Bice rimarrà equidistante garantendo a tutti la possibilità di amplificare le proprie idee politiche nel rispetto del più ampio pluralismo.

Questo però non significa censurare al nostro interno le legittime e personali sensibilità che possono inserirsi  nel più vasto composito dibattito generale.

A dimostrazione che Bice è equilibrata senza particolari simpatie predeterminate, mi permetto di sollevare qualche dubbio su alcuni passaggi contenuti  nell’articolo del celebre notista Ugolino

Per esempio quando egli fa dire a Renzo:

Di ricordare con maggior vigore ai senatori a vita che non è carino farsi beffe degli Italiani sostenendo il caravanserraglio (come lo ha definito uno dei suoi stessi componenti) con il loro voto determinante? E che non solo non è carino, ma non è neppure democratico, nel senso etimologico, profondo ed autentico del termine? Di spiegare loro con garbo che non solo non è democratico, ma è anche molto poco nobile? Qui mi fermo, tanto non vale la pena di proseguire .

Al contrario , dopo avere letto queste convinzioni io sostengo il contrario: non solo vale la pena proseguire, ma è necessario approfondire certi temi specie se irrisolti, se non altro come positivi contributi a fare chiarezza reciproca.

Da parte mia mi sento di sostenere che i Senatori a vita devono votare sempre e comunque!

La realtà nuda e cruda ci dimostra che tra la gente, il popolo; tra i così chiamati  cittadini onesti vi possono essere anche babbei, pantegane, imbecilli, delinquenti che se insieme sommati compongono una nutrita compagnia bella e allegra  che poi vanno giustamente a votare alla pari degli altri “elettori virtuosi”. Dunque quei parlamentari  eletti democraticamente anche grazie ai voti, ammettiamo pur minimi, di quelle presenze poco  edificanti; di quegli elettori vistosamente demenziali, come  se ne faranno portavoce nelle aule parlamentari?

 La nostra Costituzione risolve questo dilemma indicando la strada maestra da percorrere: il parlamentare eletto rappresenta solo gli interessi della nazione e non quelli del suo elettorato. Una volta si insegnavano queste cose; oggi con l’avvento dei padri della Seconda Repubblica, grazie alle ultime riforme elettorali , avendo tolto le preferenze , in teoria ed in pratica , gli eletti oggi per essere “democratici””carini” e “nobili” chi devono invece rappresentare? Le volontà del proprio partito, della coalizione  o quella del premier? Nel dubbio molti optano per la terza via: quella di perseguire solo gli interessi  personali, e di “casta”, ma quello che non ci sta nel modo più assoluto è propagandare una presunta immoralità dei senatori a vita  se e in quanto prendono parte alle votazioni. Meglio essere il portavoce della nazione che divenire complici e testimoni acritici  dell’interesse particolare della propria parte.

Questi sono gli insopportabili  risultati culturali, dopo quattordici anni, di questa seconda repubblica. Anni trascorsi a comunicare  e propagandare “promesse” e “percorsi virtuosi” dai figuranti di quarta o quinta fila della prima repubblica. Questi inossidabili burocrati  politicanti hanno trasformato la politica in un orgia” di qualunquismo , di privilegio di casta. Si sono rivelati talmente fallimentari e talmente insopportabili che mai il politico è stato così indigesto alla opinione pubblica italiana come oggi.

Un fallimento di un intera classe politica da cestinare senza tentennamenti mentre invece , al contrario, come se niente    fosse…al voto! Al Voto! Ossia altri cinque anni di sicuri disastri e di impunite “orge campane” da parte di questi noti, stranoti, visti, stravisti e strasperimentati miserrimi dilettanti che noi promoviamo a insostituibili governanti!

Eppure anche l’amico Renzo sembra non rendersene conto, anzi Ugolino a volte lo rapprenda come il campione dell’illogico

“Trascurando i brogli, i conteggi taroccati, gli scatoloni ricolmi di schede elettorali legittimamente votate, posti a Roma a fianco dei cassonetti della spazzatura, l’im-pri-ma-tur del popolo italiano al tuo governo è rappresentato da circa centomila voti in più alla Camera dei Deputati, e duecentomila voti in meno al Senato della Repubblica”

Non è per caso che questa legge elettorale ,definita dal suo estensore una porcata, sia in effetti tale?

Ma tra le tante considerazioni che potrebbe fare Renzo non ci potrebbe stare anche quella che se un Governo  non è in  grado di fare una legge elettorale, eventualmente copiandola da altri dimostra di essere formato da una combriccola di incapaci?

O è stata fatta con dolo, con l’inganno , un modo come un altro per consegnare dei pozzi avvelenati?

Renzo è allora forse ammirato per chi al governo del paese si comporta platealmente da gaglioffo?

La verità è che questa legge elettorale riconoscendo premi di maggioranza a prescindere dalle percentuali ottenute potrebbe presentare difetti di incostituzionalità.

E se quindi la Corte intervenisse? Chi incolpiamo Prodi e il caravan serraglio?

Ci mancherebbe anche questa possibilità di trovarci in un vizio di incostituzionalità e come popolo italiano saremmo a posto.

Qualcuno vuole farmi credere che lui crede che i rappresentanti delle opposizioni in tutto il periodo in cui non sono al governo se ne stiano, come tanti Cincinnato, tra i campi, ad arare la terra.

Per cui , se dovesse cadere il tiranno, bisogna andare nelle campagne a richiamarli ad uno ad uno e insistere perché se ne tornino al governo.

Renzo giustamente cita un Caravan Serraglio del centro sinistra. Mentre n on più di poche settimane fa, abbiamo sentito Berlusconi inveire contro gli alleati, e questi per tutta risposta a qualificarlo come populista e dintorni.. Abbiamo ascoltato un coro di voci bianche  ad inneggiare alla nascita di un nuovo partito in quanto la casa delle libertà era ormai morta e sepolta.

Oggi , contrordine compagni! Tutto va bene! Da destra a sinistra abbiamo tutti scherzato!

L’importante è ora votare, ma  a condizione che negli organigrammi che contano nulla si tocchi  e nulla si cambi! La verità è che siamo caduti in mano ad una casta, che ha governato questo paese con i  nuovi metodi da seconda repubblica per quattordici anni. Senza riserve noi elettori abbiamo lasciato loro il campo con rinnovata fiducia.

Di fronte ai risultati che sono davanti agli occhi di tutti ora sembriamo privi di un  minimo di dignità e senza scomporci accettiamo che ci venga da costoro disegnato ed imposto il loro calendario.

In queste condizioni ci attende una nuova legislatura fatta di altri  5 anni che risulteranno disastrosi per noi e il paese grazie ai reciproci nostri amati e stimati “Cincinnato”che si sceglieranno all’interno della casta a prescindere dal nostro desiderio di  essere Babbei o presunti tali.

Eppure la logica , il buon senso, un minimo di amor proprio per le nostre intelligenze dovrebbe farci capire che non è finita solo l’avventura politica di Romano Prodi , ma anche quella della complessiva seconda repubblica della quale è stato un comprimario. Dovremmo avere il coraggio di svegliarci una buona volta per imporre un reale e sostanziale cambiamento a questo invivibile  ed insopportabile stato di cose.

Invece immutabili, con le nostre immancabili bandiere, andremo in massa come sempre allo stadio a cantare, urlare, applaudire la squadra politica del cuore! A rassicurare l’amore ai nostri “campioni”.

L’ importante che tutto rimanga  cristallizzato ed immutabile nelle cose come avviene da 14 anni.

Che disastro! Per tutti, innocenti, colpevoli , furbi, imbecilli , babbei o presunti tali !!

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.