Pubblicato il bando per la gestione del Caffè del Teatro Astoria

Condividi su i tuoi canali:

None

 

La Centrale di Committenza dell’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico ha pubblicato il bando per la procedura aperta per la concessione del servizio di gestione del ‘Caffè Teatro Astoria’ per l’attività di caffetteria, bar, sala da the, somministrazione di alimenti e bevande, che ha sede nel Palazzo Astoria, nella centrale Piazza Ciro Menotti di Fiorano Modenese.

La concessione durerà otto anni, con un canone annuale a base d’asta, soggetto al rialzo, di 20.000 euro oltre l’Iva.

La concessione comprende le seguenti prestazioni: esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande, con la più ampia gamma possibile di tipologie di offerta e con il massimo orientamento alla qualità del servizio, compatibilmente con le dimensioni del locale e comunque nel rispetto delle normative vigenti in materia; assunzione di tutte le iniziative necessarie per la migliore conduzione del locale e per la valorizzazione del contesto urbano in cui si inserisce; pulizia e igiene quotidiana di tutte le aree esterne di pertinenza, nonché l’ordine e la pulizia delle parti comuni, con adeguato smaltimento dei materiali di risulta.

Nei criteri di aggiudicazione si terrà conto sia dell’offerta economica che tecnica, la composizione del team di gestione; l’allestimento e la modalità di gestione, l’attività ed iniziative collaterali.

La possibilità di partecipare scade l’11 aprile alle ore 12.

La documentazione di gara è liberamente consultabile e scaricabile gratuitamente, fino al giorno di scadenza del termine per la presentazione delle offerte, dal sito internet dell’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico all’indirizzo: http://www.distrettoceramico.mo.it, nella sezione “Bandi di gara”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle