provincia, elezioni del consiglio il 18 dicembre votano oltre 700 sindaci e consiglieri comunali

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Si svolgeranno sabato 18 dicembre le elezioni per il rinnovo dei componenti del Consiglio provinciale di Modena che saranno eletti dai sindaci e dai consiglieri comunali (oltre 700 elettori).

In base alla legge 56 di riordino dell’ente, infatti, il Consiglio provinciale, eletto nel 2018, resta in carica due anni ma lo scorso anno il voto è stato rinviato a causa della pandemia, mentre il presidente resta in carica quattro anni.

La procedure di voto sono state illustrate durante il Consiglio nella seduta di mercoledì 10 novembre.

Le liste dovranno essere presentate all’Ufficio elettorale nella sede della Provincia in viale Martiri della libertà 34, dalle ore 8 alle ore 20 del 27 novembre e dalle ore 8 alle ore 12 del 28 novembre.

Le modalità e i moduli per la presentazione delle liste, dei contrassegni e delle candidature, nonché la disciplina del procedimento elettorale, sono consultabili nel sito dell’ente nella sezione “elezioni provinciali 2021”; sono eleggibili alla carica di consigliere provinciale i sindaci e i consiglieri comunali e per garantire la parità di genere, nelle liste nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento del numero dei candidati.

Il consiglio, composto da 12 consiglieri che non percepiscono indennità, approva bilanci, regolamenti, piani e programmi e ogni altro atto sottoposto dal presidente.

In base alla legge, alle Province sono assegnate le competenze sulla rete di quasi mille chilometri di strade provinciali, sull’edilizia scolastica superiore e sulla pianificazione della rete scolastica, oltre all’assistenza tecnico amministrativa ai Comuni, la pianificazione territoriale e le pari opportunità.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo