Province. C’è un limite a tutto

Condividi su i tuoi canali:

""L’importante è che queste inutili istituzioni continuino a esistere, anche se quel poco che fanno può essere demandato tranquillamente alla Regione o ai comuni.""art. del Sen. Paolo Danieli

 

 

L’abbiamo appena scritto.

 Lo avevamo detto e ridetto con diverse “Lettere politiche”:le province vanno eliminate. Costano troppo e servono a poco. Praticamente a niente.

Hanno solo delle competenze residuali finalizzate più che altro a giustificarne l’esistenza.

Lo ripetiamo solo per chi non lo ricordasse: abolendole si risparmiano 10,6 miliardi di euro l’anno, per di più salvando il posto ai 64.000 dipendenti. Ripetiamo anche – a costo di stufare – che la cancellazione delle province è parte del programma di Berlusconi e che non è stata fatta per il veto della Lega.

Ed ecco che arriva, fresca fresca, la conferma che abbiamo ragione. Arriva dalle stesse province. E precisamente dalle province di Verona, Rovigo, Treviso, Venezia e Belluno. Siccome hanno bisogno di soldi, perché quelli che già prendono non bastano, hanno deciso di aumentare di 3,5 punti l’aliquota sulle polizze assicurative di auto e camion. Potranno così raggranellare dai 3 ai 7 milioni di euro per continuare la loro inutile esistenza. Poco importa se gli automobilisti e gli autotrasportatori, già tartassati da bolli, accise, tasse e balzelli vari si troveranno a pagare di più il premio dell’assicurazione della macchina e del camion.

Poco importa se ciò si tradurrà in un inevitabile aumento dei prezzi che, a sua volta, ricadrà sempre sugli stessi cittadini-automobilisti.

L’importante è che queste inutili istituzioni continuino a esistere, anche se quel poco che fanno può essere demandato tranquillamente alla Regione o ai comuni. Sembra perfino impossibile che la gente non si ribelli!

E sembra perfino impossibile che ciò possa andar bene agli elettori della Lega, che si ostina a difendere le province, anche se, solo qualche anno fa, le voleva sciogliere, assieme all’abolizione dei prefetti, in quanto creazione napoleonica e rappresentazione del potere centralista.

O forse non lo sanno.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere