Prolungato il bando per la gelateria

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Il comune vuole aprirla e cerca esercenti interessati

 

Il primo bando per assegnare in concessione la sala al piano terra del Palazzo Astoria da destinare a gelateria artigianale, a sinistra dell’ingresso al teatro, a fianco del Caffè Teatro, è andato deserto.

Ma è un servizio richiesto dai Fioranesi e per questo il Comune di Fiorano Modenese intende prolungare di un mese la possibilità di chiedere la gestione del locale.

Come spiega il sindaco Francesco Tosi: “Abbiamo adottato e stiamo adottando una serie di misure per migliorare le condizioni del centro di Fiorano: abbiamo già introdotto agevolazioni Tari per gli esercizi commerciali del centro, con significativi abbattimenti dei costi; sta per uscire un bando che riconosce contributi a fondo perduto ai proprietari che vogliano ristrutturare; riconosce contributi a fondo perduto per chi intende aprire un nuovo esercizio; è in atto la progettazione esecutiva del rifacimento di Via Vittorio Veneto per ‘abbellire’ il centro e migliorare la viabilità. Vorremmo assolutamente che aprisse una  gelateria artigianale di qualità  nella piazza centrale e per questo mettiamo a disposizione il locale libero a piano terra del palazzo Astoria. Il primo bando per la gelateria è mandato deserto: invito le associazioni di categoria e tutti i cittadini a diffondere l’informazione di questa possibilità. Collaboriamo tutti affinché questa gelateria sia aperta.

La gelateria avrà a disposizione l’ambiente di mq 53 per la produzione e vendita, oltre a un deposito al piano interrato di 19 mq.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.