Preso in castagna!

Condividi su i tuoi canali:

""Politicamente è abile. Lascia che della guida del partito se ne faccia carico qualcun altro per non bruciarsi. E intanto si tiene le mani libere. Sta dalla parte della gente lui. "" art. del Sen. Paolo Danieli
 

Renzi vuole rottamare quello che non va della sinistra, rinnovare la politica, pensionare le solite facce. E non gli si può dar torto. Dalla crisi che ha scosso il partito democratico ne è uscito più forte.

Politicamente è abile. Lascia che della guida del partito se ne faccia carico qualcun altro per non bruciarsi. E intanto si tiene le mani libere. Sta dalla parte della gente lui. Fa il piacione. Mica si va a impelagare nelle beghe di partito. Anche se, contrariamente a quello che appare, è uomo di apparato, al punto da essere stato designato dal partito a fare il presidente della provincia di Firenze a soli 29 anni e subito dopo il sindaco di Firenze. Ma lui si chiama fuori. Chiamalo stupido! Così ha un sacco di tempo per andare sui media a cantare la sua canzone. Orecchiabile, che piace subito dopo le prime note. E’ bravo. Non c’è che dire. Potrebbe anche essere il Berlusconi della sinistra. O il Tony Blair italiano. Staremo a vedere.

Fra gli slogan che ripete, accarezzando l’antipolitica, ce n’è uno che fa colpo su chi è convinto che eliminando un po’ di parlamentari si possano risolvere le cose. Dice: “Visto che Camera e Senato fanno le stese identiche cose, aboliamone una, trasformandola nella Camera o nel Senato delle Regioni!” La signora Maria annuisce davanti alla tv. Non si ricorda più – se lo sono dimenticato quasi tutti- che quello che propone quel gattone di Renzi era contenuto nella riforma costituzionale nota con il nome di Devolution fatta dal centrodestra nel 2005. Riforma che tra l’altro prevedeva proprio quello che oggi lui chiede a gran voce. Era cosa fatta. Peccato che sia stato cancellata nel 2007 da un referendum abrogativo sostenuto dal suo partito. Difficile pensare che mentre era presidente del Pd della provincia di Firenze Renzi non abbia partecipato alla battaglia del suo partito e non abbia coerentemente votato per l’abrogazione di quella norma di cui oggi invece si fa paladino. Come si dice? Preso in castagna!

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...