Presentazione del libro “”I giorni del dubbio”” di luigi Guicciardi

Condividi su i tuoi canali:

None

Mercoledì 25 maggio alle ore 17:00 presso il Palazzo dei Musei, Sala Oratorio, Largo S. Agostino 337,  a Modena  presentazione del libro  “GIORNI DI DUBBIO”, di Luigi Guicciardi Presentazione GIORNI DI DUBBIO, l’ultima indagine del commissario Cataldo  (Cordero Editore, Genova)

“GIORNI DI DUBBIO”        SINOSSI
                

A Serramazzoni, gradevole paese dell’Appennino modenese, si respira aria buona, ci si rilassa e non succede mai niente: l’ideale quindi, per il commissario Cataldo, per trascorrerci un periodo di riposo dopo la grave ferita riportata nella sua ultima indagine. Nel languore della convalescenza, in giorni tutti uguali, Cataldo  passeggia, prende il sole, va in trattoria, conosce una bella vedova, fa amicizia col comandante dei carabinieri… Finché un doppio omicidio spezza all’improvviso tutta questa tranquillità: quello di una ricercatrice universitaria di Storia massacrata insieme a un ricco proprietario del luogo, che la ospitava per studiare un diario inedito e scottante scritto nel 1943 dal podestà fascista di Serra, di cui l’uomo era l’unico erede. La ferocia dei due delitti e l’estrema difficoltà dell’indagine inducono ovviamente il comandante a chiedere aiuto a Cataldo, fin troppo disposto a cambiare il torpore della vacanza con la febbre di una nuova inchiesta, che lo condurrà via via – nelle pieghe di un ambiente torbido e sconosciuto, tra i segreti del passato e le colpe del presente – a una verità finale sconcertante e amarissima.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo