Preoccupazione per le sorti di Telemodena

Condividi su i tuoi canali:

None

Preoccupazione per le sorti di Telemodena

 

 

 

La  CGIL insieme al Sindacato lavoratori della Comunicazione CGIL esprimono profonda  preoccupazione  per  le  sorti  a cui sembra destinata la storica emittente modenese Tele Modena.

Le notizie di stampa apparse anche oggi, non fanno presagire nulla di buono sulla   graduale   dismissione  delle  trasmissioni  d’informazione  e  sul ridimensionamento  complessivo  dell’emittente  modenese da parte del nuovo editore torinese recentemente subentrato quale azionista di maggioranza.

Non  possono  che  destare  sincere  preoccupazioni le voci trapelate sullo smantellamento  della  sede  e  il  trasferimento delle attrezzature per la messa in onda, nonché le notizie sul notevole ridimensionamento degli spazi informativi  e  dei  notiziari e per contro la volontà di estendere anche a Tele  Modena  il  modello  di  tv commerciale che già caratterizza le altre emittenti  dell’editore Benasciutti (Quadrifoglio Tv di Torino e Studio Tv1di Trevigliano BG).

Si  pone con urgenza il tema della salvaguardia dei posti di lavoro sia per i  giornalisti  della redazione ‘ specialmente coloro che hanno contratti a tempo  determinato    sia  per  tecnici  e  amministrativi  per i quali si profilano trasferimenti e licenziamenti.

Accanto al problema occupazionale, ci preoccupa altrettanto l’impoverimento dell’informazione  modenese e il restringersi di quegli spazi di pluralismo dell’informazione che sono le condizioni e il sale della democrazia.

Nell’esprimere solidarietà al direttore Alessandro Smerieri, alla redazione e  ai  tecnici  tutti, la CGIL è intenzionata a fare tutto il possibile per salvaguardare  i posti di lavoro e i diritti dei lavoratori occupati a TeleModena.

Il  Sindacato  di  categoria  SLC/CGIL  chiederà  un  incontro  urgente con  l’azienda  per  un  chiarimento  sulla  situazione venutasi a creare, e nel frattempo  ammonisce la proprietà a non perdurare in pressioni indebite sui lavoratori,  in  particolare  tecnici  e  amministrativi,  per indurli alle  dimissioni  con  la  volontà  di  ridurre il personale in forza senza alcun confronto di tipo sindacale.

 

 

 

Donato Pivanti

Segretario generale CGIL Modena

 

Nicola Pessolano

Segretario provinciale SLC/CGIL Modena

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava