“PREMIO EMAS 2022”

Condividi su i tuoi canali:

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale

L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto il Premio Emas 2022 per la “Dichiarazione Ambientale più efficace” a livello nazionale, insieme a soli altri quattro soggetti pubblici e privati, all’evento organizzato dal Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit e ISPRA, svoltosi sabato a Spoleto.

La motivazione del premio parla di “Dichiarazione Ambientale di elevata capacità comunicativa…, composizioni fotografiche di pregevole qualità…, informazioni ambientali rese particolarmente chiare e fruibili…, pubblicazione tipo brochure, facilmente distribuibile, che condensa sapientemente le informazioni ambientali significative e permette che raggiungano un pubblico più vasto”.

Davvero un bel risultato, se si pensa che l’assegnazione della certificazione Emas (la conformità di un ente o di un’impresa ai regolamenti europei per la gestione degli aspetti ambientali e del continuo miglioramento delle proprie “prestazioni ambientali”) all’Ente Parchi è soltanto di un anno e mezzo fa, ottenuta insieme alla UNI-EN ISO 14001:2015, che specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale finalizzato alla sostenibilità. Soltanto pochi giorni fa, poi, la stessa Dichiarazione era stata validata durante le periodiche visite ispettive per il controllo del mantenimento dei requisiti.

Notevole la soddisfazione in seno all’Ente da parte di tutto lo staff. Se ne fa interprete il direttore, Valerio Fioravanti, andato a Spoleto a ritirare il premio (nella foto) insieme al coordinatore del Sistema di Gestione Ambientale, Giuliano Pozzi: «Siamo davvero molto contenti di questo premio per la nostra “giovane” certificazione, dimostrazione del serio e intenso lavoro svolto dai nostri uffici nei mesi scorsi. Viene confermato il riconoscimento all’Ente Parchi del fatto che esso ha definito obiettivi gestionali e modalità organizzative-operative corrette e sostenibili, orientate al miglioramento delle proprie prestazioni ambientali. In più, ora, anche l’attestazione di una buona efficacia comunicativa della nostra Dichiarazione Ambientale».

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria