Pranzo di solidarieta’ Hewo Matilde Mazzieri Day

Condividi su i tuoi canali:

None

Per la 18a volta appuntamento alle Piane il Primo maggio

 

Si rinnova l’appuntamento del Primo Maggio per l’associazione Hewo i tanti suoi sostenitori. Come avviene da diciotto anni presso l’Hotel Ristorante Mazzieri delle Piane di Mocogno si svolge il Matilde Mazzieri Day all’insegna della buona cucina, della buona compagnia e dell’aiuto alle comunità Hewo che operano in Africa.

La famiglia Mazzieri intende ricordare la sig.ra Matilde e per farlo ospita ed offre il pranzo a tanti amici; grazie al suo gesto e all’impegno condiviso con tutto il personale, l’intero ricavato viene devoluto a sostegno delle attività alimentari dell’Hewo Modena Onlus.

L’appuntamento è alle ore 12 con uno spuntino di benvenuto nel bar del ristorante, alle ore 12.30 ingresso nel salone museo per l’aperitivo e per una breve testimonianza dei volontari di Hewo Modena con gli aggiornamenti dalle comunità di Etiopia ed Eritrea. Il pranzo inizia alle ore 13.15.

Sarà l’occasione per incontrare i volontari appena tornati dal “viaggio dell’acqua” nel quale sono stati realizzati un pozzo e un acquedotto di un chilometro per rifornire l’ospedale, l’asilo e le coltivazioni agricole e la stalla del centro Hewo di Quihà (Makallè – Etiopia). Sarà presente anche Gebreselassie Gidey, membro della Comunità Hewo di Etiopia da trent’anni e responsabile del centro Hewo di Garbo.

Il pozzo e l’acquedotto forniscono acqua per l’ospedale, la scuola, la pediatria e il lavoro dei campi, consentendo di contrastare la grave siccità e l’emergenza idrica.

Per organizzare al meglio l’accoglienza è necessario prenotarsi entro domenica 29 aprile presso: famiglia Mazzieri (0536.45.000); Margherita (0536.45.256); Polly e Patty (0536.94.81.64); Giancarlo e Piera (0536.94.53.35); Primo e Clara (0536.94.13.60).

H.E.W.O. Modena è un’associazione di volontariato che opera in Etiopia ed Eritrea da oltre 25 anni a favore degli ammalati di lebbra, tbc e aids.

Ha sede a Maranello, dove risiedono molti dei volontari, ma può contare su soci e sostenitori in gran parte della provincia modenese.

Non ci sono spese di gestione dell’Associazione né sono previsti rimborsi spese di nessun tipo. Tutto ciò che viene raccolto nelle diverse iniziative o donato da amici e sostenitori, è interamente destinato alle di Etiopia e di Eritrea.

Gli interventi in favore degli ammalati e delle loro famiglie si sviluppano attraverso le Comunità Hewo locali formate, fra l’altro, da ex ammalati che hanno promosso e gestiscono ambulatori, ospedali, scuole, laboratori e coltivazioni agricole.

Le stesse persone che in passato hanno goduto degli interventi socio-sanitari dell’Hewo oggi si assumono, in prima persona, la responsabilità di far proseguire quegli interventi per dare ad altri le stesse opportunità di cura e di sostegno che hanno ricevuto.

A loro si affiancano periodicamente volontari provenienti dalla realtà modenese per condividere direttamente la vita delle Comunità e per dare impulso alle nuove attività. Questa vicinanza e questo scambio continuo hanno consentito di stabilire dei forti legami, anche sul piano affettivo e relazionale, fra la “Comunità” di Modena e le Comunità locali.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo