Portierato sociale R NORD

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

370.000 euro pubblici spesi bene

 

Il portierato sociale dei Condomini R NORD è un ottimo nascondiglio per tossicodipendenti e spacciatori

Circa 370.000 euro spesi per eliminare la scala dalla galleria dei Condomini R NORD e per realizzare il portierato sociale-sede circoscrizionale della Polizia Municipale.

Certo sono stati spesi bene: la Polizia Municipale continua a non esservi quasi mai e gli uffici del portierato seguitano ad osservare orari improbabili.

Ma fin qui niente di nuovo.

Quel che forse i Modenesi (dalle cui tasche è uscita la maggior parte del denaro servito per realizzare questa utilissima struttura) non sanno, è che i “topi” ballano non solo quando questi uffici sono chiusi, ma anche durante gli orari di apertura.

E’ sufficiente stazionare un poco davanti all’ingresso del portierato sociale per vedervi transitare davanti, del tutto incuranti dei presenti, degli uffici e delle telecamere, tossicodipendenti e spacciatori diretti verso il retro del portierato stesso che, essendo privo di finestre degne di questo nome sui lati Ovest e Sud, offre un ottimo riparo a chi voglia spacciare e drogarsi in santa pace.

Naturalmente all’interno del portierato pressoché nessuno se ne accorge mai, e ovviamente sul retro c’è una telecamera che riprende tutto.

Ma che nessuno visiona, evidentemente, se le scene che possono presentarsi agli occhi di un passante sono del tipo di quella mostrata dalla foto.

E questo non è che quel che accade in prossimità del portierato sociale.

Lasciamo ai lettori immaginare quel che succede in luoghi più nascosti, come lungo le scale di sicurezza, ad esempio.

“Quanto tempo ancora occorrerà al Comune per rendersi conto che gli orari del portierato sociale e dell’ufficio della Municipale sono – così come attualmente stabiliti e come a suo tempo denunciammo – insufficienti?”: questa domanda la riproponevamo circa tre mesi fa e ancora non ha avuto risposte pratiche concrete da chi va invece polemizzando ogni giorno sui temi della sicurezza.

Solo qualcuno ha avuto l’onestà  e il coraggio di dire che in questo campo ha “dormito”: bene, chi di dovere la smetta di riversarci addosso fiumi di inutili parole, si risvegli dal torpore e si rimbocchi le maniche una buona volta, perché i cittadini sono sempre più stanchi e sono pronti a promuovere petizioni popolari, una delle quali è già in corso.

A proposito di R NORD: chi li ha mai visti qui i volontari per la sicurezza? E i lavori di riqualificazione quando riprenderanno?

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un