Ponte o rotonda sulla Pedemontana . Questa è la verità

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Stupiscono profondamente le affermazioni riportate dalla stampa sulla scelta da effettuarsi in relazione  al tratto di arteria  mancante sul nostro territorio .

Non tanto perché chi si candida alla carica di Sindaco dichiari di volere la rotonda : è sempre stata ed è la scelta di questa Amministrazione .

Questa vicenda della viabilità è  piena di confusione e di inesattezze . E’ addirittura incredibile che  non si ricordi il percorso che ha portato ad oggi

La realizzazione di questo ulteriore “ tronco “ dell’ asse viario della Pedemontana che interessa il nostro territorio, rappresenta per l’Amministrazione di Castelvetro, un passaggio necessario .

Salutato quindi molto positivamente l’annuncio della Provincia di Modena, sul prossimo avvio dei lavori  occorre ricordare che :l’approvazione del progetto preliminare ( ma assai dettagliato ) risale al 2002 ,  con Deliberazione  n. 60 dell’allora Consiglio comunale e prevedeva, ripeto, prevedeva il ponte a scavalco .

Il progetto venne approvato con l’unanimità di tutti i Consiglieri  ed il loro voto favorevole !

 

E’ su questa precisa  scelta che si è basata l’azione dell’ Amministrazione Provinciale .

 

E’ solo con l’attuale Amministrazione che si  valuta diversamente l’impatto del ponte , si interviene sul progetto esecutivo  della Provincia di Modena , con Deliberazione di Giunta Comunale e due lettere del Sindaco Montanari.

Con la condivisione della maggioranza che governa il paese, si individua  nella rotonda lo strumento  più funzionale  e meno impattante .

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.