Ponte Alto, domenica si parla di politica e satira con Vieri e Pini

Condividi su i tuoi canali:

None

All’Arena sul lago Goran Bregovic e la Wedding & Funeral band (concerto a pagamento)

 

 

La Festa provinciale de l’Unità a Ponte Alto, domenica 9 settembre, è aperta per pranzo e per cena. Alle ore 21.00, al Palaconad, “Meme’s party – Vietato fare politica” con l’eurodeputato Daniele Viotti e la deputata Giuditta Pini. Sempre alle ore 21.00, ma allo spazio cultura, dialogo sulla figura di Aldo Moro con Pierluigi Castagnetti. All’Arena sul lago, dalle ore 21.30, Goran Bregovic e la sua Wedding & Funeral band (concerto a pagamento).

 

Le attività alla Festa provinciale de l’Unità in corso di svolgimento a Ponte Alto, domenica 9 settembre, iniziano a mezzogiorno quando sarà aperto per pranzo il ristorante Tradizionale. Il programma della serata prevede, alle ore 21.00, al Palaconad, “Meme’s party – Vietato fare politica”, la politica attuale vista con la necessaria ironia e affrontata tramite la satira delle pagine Facebook. Saranno presenti alcuni degli amministratori delle pagine Fb “I socialisti gaudenti”, “Gli eurocrati” e “Una foto diversa della Prima Repubblica. Ogni giorno”. Intervengono l’eurodeputato Pd Daniele Viotti e la deputata modenese del Pd Giuditta Pini. Introduce Matteo Manni, vicesegretario provinciale Giovani democratici. Sempre alle ore 21.00, ma allo Spazio cultura, per il ciclo “Pro-memoria” è in calendario “Io e Aldo Moro – dialogo sulla figura di Aldo Moro” con Pierluigi Castagnetti, già segretario del Partito popolare italiano. Coordina Giovanni Taurasi.

All’Arena sul lago, dalle ore 21.30, saliranno sul palco Goran Bregovic e la sua Wedding & Funeral Band, all’insegna dello slogan “If you don’t go crazy, you’re not normal”. Il ritorno del musicista e compositore bosniaco alla Festa era particolarmente atteso. I suoi ritmi balcanici, le atmosfere zigane, il suo mood transnazionale sono sempre stati apprezzati dai visitatori della Festa che lo avevano già potuto applaudire qualche anno fa. Bregovic deve la sua fama mondiale alla composizione di diverse colonne sonore di numerosi film, a cominciare dalla storica collaborazione con Emir Kusturica. La musica di Bregovic deriva da temi zigani e slavi meridionali ed è il risultato della fusione della tradizionale musica polifonica popolare dei Balcani con il tango e le bande di ottoni. E’ sulla scena musicale ininterrottamente dal 1974 e sembra non aver mai perso la sua freschezza e capacità di coinvolgere il pubblico. La sua figura è ormai iconica: vestito di bianco, con la sua chitarra elettrica, circondato dai membri della Wedding & Funeral Band, che possono variare, a seconda delle serate, dalla decina fino addirittura a 60 componenti, rappresenta un modo di far musica capace di superare le barriere culturali, etniche, religiose. Il concerto alla Festa de l’Unità modenese è a pagamento: il costo è di 30 euro (più 4,50 euro per la prevendita) per la platea numerata, 22 euro (più 3 euro di prevendita) per il posto unico. I biglietti possono essere acquistati online su www.ticketone.it, oppure possono essere acquistati direttamente alla tabaccheria della Festa, a Ponte Alto. A seguire, allo Spazio Arci La Buca, Balkan Beat – I Vs. Nazionali Senza Filtro.

Per gli amanti dei ritmi latini, lo spazio El Baile propone, dalle ore 21.45, la scuola gratuita di balli latinoamericani con i maestri della scuola del Circolo Florida, a seguire todos a la pista con lo staff del Circolo Florida.

Alle ore 21.30, allo Spazio Diari di viaggio, Miriam Bergonzini presenta “Siria e Libia: ieri…oggi”.

Infine, nell’area gioco-sport-divertimento, gestita da Csi, Staff Oplà, Uisp e I Burattini della Commedia dell’Arte, le attività iniziano alle ore 20.30. All’Arena giocosa, gioco libero e giochi per bambini. All’Arena sportiva, Skatepark: esibizioni di skateboard e bmx”.Alle ore 21.00, per Teatro in Festa, Sara Goldoni presenta “Mingone e la stoffa preziosa”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.