Più alias che capelli in testa

Condividi su i tuoi canali:

La prima notizia, che riportava sommariamente “ forse un extracomunitario” con riferimento al ladro, mi ha colpito in modo spiacevole, la ritenevo un'ingiustizia…
art. di Maria

 

 

La notizia e il filmato  delle telecamere di sicurezza hanno fatto il giro del mondo… Un uomo, un povero  ubriaco, barcollante e incerto, cade e finisce sulle rotaie della metropolitana. Gli si avvicina subito un altro uomo, il solo che c’è lì  vicino  che lo deruba del portafogli,  del telefono, della catenina persino… e poi, guardandosi attorno, si allontana…Quando arriva il treno l’uomo giace ancora riverso, privo di conoscenza… è inevitabile che sia investito. Incredibilmente l’uomo è rimasto vivo ma è gravemente ferito  in tutto il corpo e gli è stato amputato il piede sinistro.

La prima notizia, che riportava  sommariamente “forse un extracomunitario”  con riferimento al ladro,  mi ha colpito in modo spiacevole… mi è parso davvero  poco deontologico, oltre che inaccettabile moralmente, che  ci fosse il solito giudizio sommario. Sappiamo bene che, in Svezia come in Italia e in ogni altra parte del mondo, i delinquenti sono ben rappresentati anche fra le popolazioni locali.

Io che solitamente, e a mio avviso ingiustamente, vengo tacciata di avere pregiudizi nei confronti degli extracomunitari, mi sono sentita  a disagio, ritenendo ingiusto dare sempre la colpa a loro, per partito preso, almeno così  mi era parso. Ma, grazie alle chiarissime immagini delle telecamere di sorveglianza, si è potuto verificare, invece, che la prima delle informazioni, che a me era sembrato un giudizio sommario, una condanna  gratuita e ingiusta,  era  inconfutabile.

Per tutto il tragitto questo essere subumano, capace di derubare chi è privo di sensi, privo di scrupoli fino a lasciarlo  riverso sui binari della metropolitana, destinato a morte certa,  è stato inquadrato e immortalato dalle telecamere. I suoi tratti, che è un complimento definire bestiali, sono ora diffusi affinchè  si arrivi al più presto alla sua cattura.

Nelle stesse ore, in Italia,  gli inquirenti sono arrivati ad uno degli assassini della coppia di anziani, a Lignano, brutalmente aggrediti e uccisi in casa… è una donna, una  cubana, che conosceva bene la coppia, poiché lavorava in un negozio vicino. Ha appena 21 anni, è giunta in Italia per ricongiungimento familiare, insieme al fratello, suo complice nella brutale aggressione, la loro  madre ha  sposato un italiano e ora ha la cittadinanza italiana…

E’ impossibile sottovalutare l’ennesima recrudescenza dei reati commessi  da stranieri, regolari o clandestini, extracomunitari e non…ai nostri già folti ranghi di delinquenti italiani se ne sono aggiunti e in gran numero, di stranieri. Purtroppo con assai minori scrupoli, con maggiore indifferenza per la vita umana e, rispetto agli italiani, con  l’aggravante di non essere altrettanto punibili … troppo sovente, hanno più alias che capelli in testa, con tutti quei differenti nomi sfuggono ai controlli, la fanno franca. Ritornano ad ingrossare le file dei delinquenti di ogni genre e chiaramente sono a volte in combutta, a volte in competizione, con  altri loro simili, dati gli arrivi incessanti da ogni dove. Quando sono in combutta fra loro delinquono a danno degli italiani, quando sono in competizione, nell’asprezza incontrollata delle loro risse  distruggono quello che trovano… tutto, dalle vetrine, all’arredo urbano… senza  considerare poi che a volte ci scappa il morto, anche fra loro.

Questo il link

http://www.youtube.com/watch?v=ysoWvnuIwDI

per chi volesse vedere il ladro della metropolitana, in Svezia, un essere che ha solo l’aspetto di una persona  ma si è comportato peggio di una qualsiasi bestia.

 

Maria

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Amici della Musica di Modena

CONCERTI D’OGGI Domenica 11 dicembre – ore 17:00 Modena – Hangar Rosso Tiepido DUO PIANISTICO SCHIAVO-MARCHEGIANI Marco Schiavo – pianoforte Sergio Marchegiani – pianoforte Musiche