Piazza XX Settembre, si attendono progetti concreti

Condividi su i tuoi canali:

None

Diminuzione del traffico di passanti vuol dire diminuzione del fatturato. E’ un’equazione semplice, e facile da prevedere. Questo sta capitando a piazza XX settembre, dopo che le casette del mercato hanno lasciato posto alla piazza vera e propria.

Tornare indietro non si può: ma soprattutto credo che la piazza così com’è sia un bello scorcio della città. Vale però per essa quella che vale per tutte le altre piazze: manca un progetto complessivo di valorizzazione, che riempia questi luoghi di aggregazione non solo in particolari occasioni, ma con maggior frequenza. Il rischio che anche piazza XX settembre divenga luogo di bivacco è reale. I cittadini ormai temono le indifese panchine, perché agevolano questo tipo di frequentazione.

Allora la Giunta che forse ha avuto un po’ fretta a smantellare tutto, prima di avere in mano un vero piano di riqualificazione, deve a questo punto pensare ad un fitto calendario di micro eventi che portino persone in piazza. E poi pubblicizzarlo a dovere. Deve ascoltare la voce dei commercianti che vogliono rimboccarsi le maniche, ma che in un momento di crisi faticano a risollevarsi da un cambiamento così importante. Non lasciamo che il centro storico si svuoti ulteriormente. Più marketing territoriale per attirare visitatori, più eventi per il turismo locale, e permessi più facili per allestire l’esterno dei locali. Un città vitale: piazza XX settembre è la sfida giusta per iniziare questo percorso.

 

Luca Ghelfi

Consigliere Provinciale – PDL

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa