Piano Sosta: Inaugurano Novi Park e Novi Ark

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Il parcheggio interrato e il museo parco archeologico aprono sabato 21 luglio tra auto storiche, lanci di paracadutisti e rievocazioni storiche teatrali

 

Auto storiche sfileranno per le vie del centro in direzione Novi Sad, paracadutisti si lanceranno in volo atterrando all’interno del parco. Sarà possibile fare due passi sulla strada romana rivivendo l’atmosfera dell’epoca guidati dalle ricostruzioni di esperti e attraverso una rievocazione storica teatrale introdotta dalle parole dello scrittore archeologo Valerio Massimo Manfredi.

 

Sono i principali ingredienti dell’inaugurazione del parcheggio interrato Novi Park e del parco museo archeologico Novi Ark in programma sabato 21 e domenica 22 luglio a Modena. A partire dalle 15.30 di sabato il parcheggio interrato sarà accessibile e, così come la navetta verso il centro storico, rimarrà gratuito per l’intero fine settimana, fino alle 24 di domenica.

 

Le iniziative prenderanno il via sabato alle 10, quando da piazza Grande partirà il corteo di auto storiche del Circolo della Biella che, dopo aver transitato per corso Duomo, piazza Roma, davanti al Museo casa Enzo Ferrari e lungo i viali, giungerà al parco Novi Sad, giusto in tempo per il taglio del nastro del parcheggio interrato e del parco archeologico dall’ingresso di via Fontanelli. Alle 11 per la prima volta il Novi Park aprirà le porte alla città: interverranno il sindaco di Modena Giorgio Pighi, l’assessore al Centro storico, con delega al Piano sosta Daniele Sitta, il soprintendente per i Beni archeologici dell’Emilia-Romagna Filippo Maria Gambari e il presidente di Modena Parcheggi spa Roberto Davoli. L’arcivescovo di Modena e Nonantola Antonio Lanfranchi darà la benedizione augurale alla struttura. Allieterà l’evento il jazz del Luca Barbieri Quintet e seguirà il buffet e brindisi “Cosa c’è sotto, quattro mani per Modena e Finale” degli chef Luca Marchini e Giovanna Guidetti. Saranno esposte le immagini “Gente di cantiere” del fotografo Gianni Volpi, “Dai cavalli al bel canto” (i pannelli che in questi anni di lavori hanno fatto da cornice al cantiere raccontando la storia del Novi Sad dal 1684 ad oggi) e le foto d’epoca di “C’era una volta il parcheggio”.

 

Alle 21.30 al Novi Ark (ingresso di viale Monte Kosica) “La strada si anima” con una presentazione di Valerio Massimo Manfredi e la pièce teatrale “Siamo rimasti troppo al buio”, che proporrà storie di fantasia che poggiano però su verità storiche confermate dai  reperti archeologici venuti alla luce. Lo spettacolo, a cura del Museo civico archeologico etnologico, sarà trasmesso anche in diretta streaming sul sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it) e di alcuni organi di stampa. Al termine della rappresentazione seguirà un rinfresco a cura del Novi bar e dell’associazione Pomposa a prezzo fisso, il cui incasso sarà devoluto alle popolazioni terremotate.

 

La due giorni proseguirà domenica 22 luglio alle 18 con il lancio di paracadutisti della Scuola nazionale di paracadutismo sopra al Novi Ark. In contemporanea, dalle 18 fino alle 23, nell’anello del Novi Sad è in programma un mercato straordinario di abbigliamento, accessori e oggetti di antiquariato a cura dei consorzi Il mercato e Fiera antiquaria di Modena; tra i vari sarà presente anche lo stand della Protezione civile con in vendita le magliette dei Vigili del fuoco “TerreMO tiamo”. Saranno inoltre organizzati giochi  per ragazzi e animazioni a cura del Centro sportivo italiano e sarà possibile fare visite guidate al Novi Ark. Anche domenica il Novi bar e l’associazione Pomposa propongono un rinfresco pro terremotati. Per l’occasione è infine prevista un’apertura serale straordinaria della mostra Parco Novi Sad, archeologia di uno spazio urbano” al Lapidario romano di Palazzo dei Musei in viale Vittorio Veneto.

 

°°°°°°°°°°°°°

 

Piano Sosta: dal 21 luglio cambi di viabilita’ in centro

 

Novi Sad pedonalizzato, divieto di sosta in via Taglio e Cesare Battisti. Dal 7 gennaio anche in piazzale Sant’Agostino. A doppio senso parte delle vie Monte Kosica e Fontanelli

 

Da sabato 21 luglio, con l’avvio del nuovo Piano della sosta, per alcune aree della città cambierà la viabilità. Il Novi Sad diventerà zona pedonale e non sarà più possibile né sostare né transitare lungo l’anello attorno al parco. Nel tratto transitabile di via Taglio e nella laterale via Cesare Battisti sarà vietata la sosta su strada, mentre per piazzale Sant’Agostino il divieto è rimandato al 7 gennaio prossimo in accordo con le associazioni dei commercianti.

 

< span style="FONT-SIZE: 12pt"">Con l’apertura del Novi Park, prevista per lo stesso 21 luglio, il tratto iniziale di viale Monte Kosica (da via Cittadella all’ingresso del parcheggio) diventerà a doppio senso per consentire l’accesso al Novi Park da entrambe le direzioni. L’impianto semaforico dell’incrocio con viale Molza e via Cittadella è stato di conseguenza adeguato. Per la stessa ragione diventerà a doppio senso anche il tratto di via Fontanelli tra la rotatoria di viale Monte Kosica e l’ingresso del parcheggio (prima la svolta dalla rotatoria alla stessa via era vietata agli automobilisti) ed è stato risistemato anche l’impianto semaforico all’incrocio tra via Fontanelli e via Cavour per consentire l’accesso e l’uscita in sicurezza dal parcheggio.

Nel dettaglio, gli interventi, progettati dal Comune e realizzati da Modena Parcheggi con il contributo di Hera Luce, hanno riguardato la modifica dell’incrocio di viale Monte Kosica in modo da regolare anche la svolta a sinistra da via Cittadella nel nuovo tratto a doppio senso.

In corrispondenza dell’accesso al Novi Park di via Fontanelli, all’incrocio con via Cavour, sono state installate due lanterne semaforiche in uscita dal parcheggio e due nuovi attraversamenti pedonali, uno su via Fontanelli, l’altro perpendicolare all’uscita dal nuovo parcheggio. Al  termine della rampa sono stati collocati sensori per rilevare la presenza di autoveicoli in transito, in modo da determinare la richiesta e la durata del verde. Il funzionamento del nuovo semaforo sarà coordinato con il resto della viabilità.

 

Ufficio Stampa

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un