Piano per una Buona Scuola del Comune di Modena.

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

INTERROGAZIONE

 

Oggetto: Piano per una Buona Scuola del Comune di Modena.

Estensione e rafforzamento delle esperienze già presenti nei nidi e nelle scuole dell’infanzia di educazione musicale e lingua inglese.

 

 

Preso atto che:

 

  • nel corso del Consiglio Comunale sui servizi educativi e scolastici dello scorso 17 settembre è stata descritta la situazione scolastica modenese nella sua articolazione tradizionale;
  • i principali elementi innovativi di quello che è stato definito Piano per una Buona Scuola a Modena sono rappresentati dai contenuti degli ordini del giorno approvati dal Consiglio Comunale nei mesi scorsi, ai quali l’Amministrazione non ha ancora dato seguito, in particolare:

– l’ampliamento della possibilità di utilizzo dei cortili scolastici;

– l’attribuzione della cittadinanza onoraria alle studentesse e agli studenti stranieri;

– la lotta agli sprechi alimentari;

– i progetti e le azioni per l’orientamento scolastico;

  • il suddetto Piano definisce la scuola modenese come scuola delle tre A: Aperta, Accogliente, Appropriata;
  • alla voce scuola Aperta, viene trattato il tema dell’innovazione didattica  nei  nidi e nelle scuole dell’infanzia;

considerato che :

 

  • più che di innovazione didattica si tratta, come è ben specificato nelle stesse slides di presentazione, di estensione e rafforzamento di insegnamenti – lingua inglese e musica – presenti da anni nei nidi e nelle scuole dell’infanzia statali e comunali;
  • l’ educazione musicale, svolta da personale esperto e con formazione curricolare certificata, è presente nei nidi e nelle scuole dell’infanzia comunali, nelle scuole della Fondazione Cresci@Mo, in 12 scuole statali e in 7 scuole convenzionate;
  • la lingua inglese, proposta  da insegnati madrelingua e con formazione curricolare certificata, è  prevista nelle scuole dell’infanzia comunali, nelle scuole della Fondazione Cresci@Mo, in 6 scuole dell’infanzia statali;
  • poiché nella presentazione del Piano si legge che “”il Comune di Modena intende estendere e rafforzare, a partire dai contesti maggiormente fragili e che necessitano di maggiori sostegni,  le esperienze già da  anni presenti””;

 

Si interroga il Sindaco e l’Assessore per sapere:

 

  • quale o quali  insegnamenti e attività, tra musica e lingua inglese, il Comune intenda rafforzare;
  • a quali situazioni di “”maggiore fragilità”” ci si riferisca e come queste siano state individuate;
  • se il rafforzamento annunciato riguarderà l’anno scolastico appena iniziato e l’anno 2016/2017;
  • quali risorse siano oggi disponibili per questa condivisibile operazione.

 

                                                                                                        

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...