Piano con i paragoni!

Condividi su i tuoi canali:

Non si  dovrebbero usare come termini di paragone del turpiloquio e della blasfemia gli scaricatori  di porto: questi onesti lavoratori potrebbero offendersi. Confrontato a quello di certe ragazzine l’ eloquio di qualsiasi  camallo appare quello  di un compassato lord inglese. L’educazione è la grande assente. L’educazione non consiste in salamelecchi,  atteggiamenti e maniere da cicisbei… l’educazione è il rispetto, per le leggi, per  le persone, per le situazioni, per i contesti,  per gli  eventi. Ed è il rispetto anche di sé stessi.

 


Solo i cialtroni e i superficiali intendono l’educazione una inutile raccolta di esteriori  buone maniere, prive di sostanza. L’educazione,  nella sua accezione  più alta, è  il risultato di un  prezioso lavoro, quello  di trarre il meglio da una personalità in divenire, come può essere quella di un bambino, di un adolescente, di un giovane.

L’educazione non consiste in salamelecchi,  atteggiamenti e maniere da cicisbei… l’educazione è il rispetto, per  le persone, per  le situazioni, per i contesti,  per gli  eventi.

È il rispetto anche di sé stessi.

E l’educazione è la grande assente di  questi nostri tempi, dove  in nome della libertà (che sarebbe più corretto  chiamare lassismo) non si può imporre nulla, non si può correggere né, men che meno si può punire chicchessia. La delicata psiche di figli e alunni, ( la  famiglia e la Scuola sono le sedi privilegiate e naturali  dell’educazione), a quanto pare, è compromessa da richiami, note,  persino  benevoli rabbuffi, anche meritatissimi. Immediatamente scatta la protesta, con riferimenti a mancanza di rispetto, a diritti violati e tante altre ciance.

Nello  scorso numero, due bei commenti, rispettivamente  di Nicola Rega e di Monica Martini, hanno sottolineato  un problema che meriterebbe più ampia trattazione: la scarsità, talvolta l’assenza delle più elementari norme di educazione e di rispetto per  luoghi e situazioni, nel mondo della scuola e in generale.  Inoltre, paradossalmente, la dimestichezza con la tecnologia, così  diffusa e sempre più precoce, riduce, penalizza, anziché migliorare, l’armonioso processo della crescita. L’esempio  del bimbetto, talvolta in età prescolare, che traffica disinvolto con uno smartphone ma che poi non sa neppure allacciarsi le  scarpe, è tipico ed illuminante.

Quanto poi  all’infelice uscita dell’insegnante, (cfr. L’abito qualche volta fa il monaco, Bice n. 788-480) fermo restando, appunto l’assoluta inadeguatezza del richiamo, inopportuno, sciatto e opinabile assai : Che, stai sulla Salaria?  rimane la sfacciata disinvoltura, in abbigliamento, atteggiamenti e linguaggio, di  queste adolescenti, pronte, tuttavia, a  risentirsi  se  vengono  richiamate. Ma non è  solo l’educazione, a scarseggiare… scarseggiano, o sono assenti, il  rispetto della legge, il senso  della misura, il concetto  di libertà personale portato all’estremo… La cronaca ci riporta notizie di giovinette neppure quindicenni  che escono di casa con un  coltellaccio da beccaio,  per “punire” la rivale in amore, di due anni più grande.  Solo per miracolo un gesto, allucinante nella sua efferatezza, non si è trasformato in tragedia … ma pur senza arrivare a questi assoluti estremi, anche nelle vicende meno gravi ci si imbatte in  ragazzine violente, dalle reazioni al limite dell’incredibile. Chi  vi scrive, solo tre giorni  fa, è stata avvicinata da un gruppetto di adolescenti all’interno di un Centro Commerciale; quattro o  cinque ragazzine, molto ben vestite, persino  curate… all’apparenza ragazzine qualsiasi;  nella nostra società multietnica non si fa certo caso al colore della pelle né ai tratti inequivocabilmente esotici anche perché di lì a un attimo avrei anche  sentito che parlavano  perfettamente l’italiano. Era pomeriggio ma mi aspettavo  di vederle con lo zainetto della scuola sulle spalle, tanto  erano  giovani. Una di loro mi ha chiesto un euro… Un po’ spiazzata, non avendo proprio capito  la domanda,  io ho detto:  Prego, come hai detto?… In risposta ho avuto alcune frasi diciamo non  troppo educate, fra queste: Oh,scema, ti ha chiesto un euro mica chissà cosa!”  

Veramente sbigottita, ho  detto : “Ma che modi, ma  dove siamo?”

Risposta : “Siamo al tuo porco *** , siamo! “ , bestemmia  di una di loro, accompagnata da parolacce e risate delle altre.

Fine della conversazione.
Non credo  di essere una persona particolarmente pavida ma, forse per la prima volta in vita mia, ho avuto paura, pur essendo in mezzo a gente, in un  luogo pubblico, come può essere la corsia principale di un trafficato  Centro Commerciale.

Mi  chiedo, tuttavia, se, invece che in un luogo  tutto sommato sicuro, come appunto un luogo pubblico, fossi  avvicinata mentre vado a recuperare la mia auto al parcheggio, o mentre rientro  a casa…

^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più agevolmente il giornale, andando direttamente all’articolo interessato.

^^^^^^^^^^^^^^^^

Piano con i paragoni!

A.D.Z.

Non commettiamo l’errore della pace di Versailles

Massimo Nardi

Tornando ai giorni nostri, sembra che la storia si ripeta. Sulle macerie lasciate dal crollo del comunismo in Russia, il popolo delle democrazie occidentali esultò ma si dimentico del passato trattando l’Unione Sovietica come una potenza di terzo piano. Al momento, però, bisogna abbassare i toni del contendere. Massima assistenza e solidarietà verso il popolo ucraino, ma evitiamo di superare un certo limite con le rappresaglie, anche perché l’uomo di Mosca è imprevedibile. Com’è imprevedibile la reazione della maggioranza del popolo russo.  

La guerra nasce anche dai nostri errori

Alberto Venturi

Parliamo di pace ma vendiamo armi; parliamo di pace ma vogliamo imporre la nostra civiltà per guadagnarci su. Parliamo di pace soltanto quando c’è la guerra, quando invece dovremmo parlarne soprattutto quando c’è la pace, per renderla più forte. Seminiamo vento e raccogliamo tempesta.    

Berlusconi, il bunga-bunga e la crisi ucraina

Paolo Danieli

Aveva intuito per tempo quanto fosse importante il ruolo della Russia sia nei rapporti internazionali, sia in quelli con l’Italia. Per cui aveva stabilito un rapporto preferenziale per le nostre esportazioni e per i rifornimenti di gas, vitali per la nostra industria e non solo. Per gli equilibri internazionali aveva capito che il vero problema è la Cina. E che quindi era necessario attrarre la Russia nella sfera occidentale e stabilire un’alleanza non solo economica, ma anche militare.

Gioventù senza speranze

Ugo Volpi

Durante la manifestazione in Piazza Garibaldi, mentre parlavano i sindaci del distretto e le donne ucraine che lavorano a Sassuolo cantavano il loro inno, di fianco, a due metri di distanza, diversi gi
ovani continuavano indifferenti l’aperitivo chiacchierano e ridendo, completamente indifferenti a quanto stava accadendo di fianco a loro.

Trent’anni fa Tangentopoli

Redazionale

Ma non chiamatela rivoluzione. Non s’è mai vista una rivoluzione gestita dal potere, quello giudiziario. Ma se proprio vogliono chiamare Tangentopoli “rivoluzione”, è stata una rivoluzione tradita. Dopo trent’anni possiamo dire che ha fatto più danni che benefici.

Buona settimana e buona lettura del n. 789 – 481.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere