Petizione per Modena

Condividi su i tuoi canali:

None

Inizierà sabato 22 novembre a Modena (Via Emilia Centro, portico del Collegio) la raccolta firme che proseguirà fino al 14 dicembre nei giorni

22/23 novembre, 29/30 novembre, 6/7 dicembre, 14 dicembre

per una petizione in cui chiediamo il ritiro della variante al Piano delle escavazioni adottata dalla Provincia di Modena il 25 giugno 2008.

Dopo la larghissima partecipazione nei comuni da parte di centinaia di cittadini che hanno prestato il loro lavoro volontario con l’unico interesse della tutela del territorio, ora ci appelliamo agli abitanti di Modena. È necessario il loro aiuto per indurre l’Amministrazione a rivedere    questo PIAE che avrà ripercussioni negative anche sulla qualità dell’acqua del Comune di Modena.

La petizione evidenzia tre elementi al centro di una grave emergenza ambientale: i capisaldi della nostra legislazione e della normativa europea a tutela dell’acqua, del territorio e dell’ambiente sono completamente disattesi dall’Amministrazione provinciale. E’ stato disatteso anche l’art. 8 della LR 20/2000, che prevede la partecipazione dei cittadini alla pianificazione del territorio. Non è accettabile che i cittadini debbano subire passivamente scelte basate su un modello di sviluppo economico non più sostenibile.

 

·           ACQUA – Dopo avere distrutto gli ecosistemi fluviali dei fiumi Secchia e Panaro, l’attività estrattiva metterà a rischio le risorse idriche di tutta la provincia di Modena: il PIAE prevede l’incremento delle escavazioni nelle zone di maggior ricarica della falda e di maggior vulnerabilità per gli acquiferi che riforniscono i nostri acquedotti.

·           TERRITORIO – Il territorio è un bene non rinnovabile: occorre ridurre il consumo di territorio agricolo puntando su materiali edili di riciclo e scavando in aree a minor impatto ambientale. L’autosufficienza provinciale prevista dal PIAE non è più sostenibile e contrasta con la libera circolazione delle merci prevista dalla normativa europea.

·           ARIA – La costruzione nelle cave dismesse di impianti per la lavorazione degli inerti e per la produzione di bitume e calcestruzzo pone seri problemi ambientali e di salute pubblica rispetto a polveri, inquinamento, rumore e traffico di mezzi pesanti.

 

Sarà a disposizione ampia e dettagliata documentazione per un’analisi più approfondita dei rischi legati alle escavazioni di ghiaia.

 

I Comitati e le Associazioni

italia nostra

legambiente

wwf

comitato tutela territorio di savignano

comitato no alle cave

comitato cispadana

comitato salute ambiente

consulta per la tutela dell’ambiente del comune di modena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Amici della Musica di Modena

CONCERTI D’OGGI Domenica 11 dicembre – ore 17:00 Modena – Hangar Rosso Tiepido DUO PIANISTICO SCHIAVO-MARCHEGIANI Marco Schiavo – pianoforte Sergio Marchegiani – pianoforte Musiche