Perché proprio ora?

Condividi su i tuoi canali:

None

Sono circa venti anni che i Verdi a Modena sono nella maggioranza che governa questa città. Ricordo l’assessore all’ambiente Silingardi, l’assessore all’ambiente Tesauro e uno o due consiglieri comunali. Ai tempi di Silingardi è stato approvato il tracciato attuale dell’alta velocità e i Verdi hanno continuato a stare in maggioranza. Dopo sono state progettate le basi del raddoppio dell’inceneritore, della pista di Marzaglia, di approvazioni di piani e programmi che avevano, nell’ossimoro “”sviluppo sostenibile””, l’obbiettivo da raggiungere, prelevando ghiaia e argilla in tutti i modi possibili per costruire e coprire il territorio con una coltre di asfalto e cemento. Nonostante tutto questo i Verdi, bontà loro, sono sempre stati in questa maggioranza. Un alleato così fedele che serve per tranquillizzare gli ambientalisti non è facile da trovare e di questo sono preoccupate le altre componenti della maggioranza. Il sottoscritto l’anno scorso a Modena aveva provato a cambiare questa tendenza ma è stato democraticamente sconfitto. E’ stata comunque solo una questione di tempo, l’opinione pubblica lo ha capito e il consenso elettorale dei Verdi è inesorabilmente calato fino a somigliare a un prefisso telefonico. E’ chiaro che l’uscita da questa maggioranza a meno di un anno dalle elezioni amministrative è solo un tentativo dei “”soliti noti”” di riaccreditarsi come i paladini dell’ambiente sperando che gli ambientalisti (noti sognatori) dimentichino le mancate risposte corredate da tattiche astensioni e assenze strategiche.””Il massimo che si poteva fare per non uscire dalla maggioranza””. Questa era la frase tipo della sinistra radicale a Modena.

Alla retorica domanda “”Perchè proprio ora?”” di qualche politico locale penso di avere contribuito a dare una risposta.

Un’ultima riflessione: mai come in questo periodo, a Modena, ci sono cittadini che stanno facendo della partecipazione alla vita politica un valido strumento per contribuire a migliorare la vita delle persone in questa città. I problemi che Modena ha nel campo della sicurezza, dell’ambiente, dell’integrazione, della spesa pubblica, dell’aggregazione giovanile, sono sempre più evidenti e i modenesi hanno capito che delegare non basta più. Bisogna agire in prima persona e i comitati formati dai cittadini ne sono l’esempio. Per dare continuità a questo agire positivo e impedire che venga inglobato dai partiti (vedi girotondi) occorrerà che i comitati si organizzino per tempo elaborando un programma comune mettendo in soffitta le ideologie che non sono più attuali.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative