PER IL CENTROSINISTRA: UMILTA’, APERTURA E MASSIMO IMPEGNO NEI BALLOTTAGGI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Come abbiamo avuto modo di dire alcune settimane fa: <>. Le analisi e il confronto sull’esito delle amministrative lo faremo a tempo debito, a partire dal 20 di giugno. Gli argomenti di riflessione non mancano ma noi della sinistra Pd da lì non ci muoviamo. Ora impieghiamo i rimanenti 12 giorni per dare una mano a tutti i candidati del Pd del Paese e ai nostri due candidati, Iseppi a Pavullo e Terzi a Finale Emilia, alle prese con il ballottaggio contro le destre. Due prove impegnative che richiedono il massimo di impegno da parte di tutti e che consigliano umiltà, ascolto, apertura con tutti gli elettori ed in particolare con gli elettori, le forze politiche e le liste dell’area della sinistra, con l’obiettivo di ripristinare il campo largo del centrosinistra politico e civico.

Concentrare tutte le forze sui ballottaggi significa, come abbiamo sommessamente consigliato per tempo, non aggiungere motivi di divisione nel campo elettorale del centrosinistra. In questo senso continuiamo a pensare che insistere in maniera, anticipata e intempestiva sulla campagna referendaria per il “”sì”” (come evidenziato soprattutto dai tanti candidati sindaci), obiettivamente divisiva, mentre si chiede sostegno agli elettori potenziali del centrosinistra che hanno dei dubbi, sono tiepidi o sono orientati per il “no” al referendum di ottobre non sia un buon viatico per provare a stabilire un dialogo fecondo, che possa sfociare in consenso per battere le destre.

Proviamo a realizzare, nei ballottaggi, sui programmi, l’unità del centrosinistra per il buon governo dei nostri territori e per dare un contributo alla ri-costruzione del centrosinistra nazionale.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati