Per avere più giustizia

Condividi su i tuoi canali:

None

Le rivelazioni audio riportate questa settimana da L’Espresso sul caso D’Addario potrebbero essere una delle ultime occasioni in cui i cittadini ricevono dalla stampa testimonianza diretta dei comportamenti e delle scelte dei loro rappresentanti istituzionali.  

Nonostante il Presidente Napolitano sia infatti dubbioso sulla costituzionalità del DDL Sicurezza, e molte siano le pesanti critiche che il mondo della giustizia e dell’editoria hanno sollevato sul testo relativo alle intercettazioni, c’è il serissimo rischio che tale legge diventi realtà, consegnando il nostro paese ad un regime che censura l’informazione e sottrae alla magistratura alcuni tra i suoi più legittimi e autorevoli strumenti di indagine.  

Gli Amici di Beppe GrillodiconoNO a questa legge, e per informare i cittadini di Modena dei rischi che vi sono connessi, hanno organizzato per venerdì 24 luglio, a partire dalle ore 20,00, una manifestazione silenziosa nelle vie del centro durante la quale verranno distribuiti volantini di informazione sulla palese violenza al diritto di informazione e di verità che questa proposta sancisce.  

Per avere più giustizia, i cittadini devono poter contare su una magistratura che utilizza strumenti di indagine avanzati e privi di condizionamenti. E per avere le informazioni di cui hanno diritto, devono poter contare su una stampa che consenta loro di osservare da vicino, senza veli e senza censure, come funzionano i poteri, lo stato e la società.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.