Pd Vignola, Fava “Il percorso riparte e decidiamo in tempi stretti”

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Nella mattinata si è riunita l’Assemblea degli iscritti del Partito democratico di Vignola

 

L’Assemblea degli iscritti del Pd di Vignola ha votato la proposta della Segreteria provinciale e del referente per il partito locale Davide Fava di ridare un mandato pieno al Direttivo del Circolo per far ripartire, ma stavolta in tempi strettissimi, il percorso di ascolto e approfondimento che dovrà portare alla individuazione di un candidato sindaco condiviso, la messa a punto di un programma e una lista per poter tornare a guidare il Comune, e in prospettiva l’Unione Terre di Castelli, dopo le elezioni amministrative di primavera.

 

Nella mattinata di domenica 19 marzo si è riunita a Vignola l’Assemblea degli iscritti del Pd per discutere della campagna elettorale imminente per le elezioni amministrative di primavera. Erano presenti il segretario regionale Pd Paolo Calvano, il segretario provinciale Pd Lucia Bursi e il referente della Segreteria provinciale del Pd per Vignola Davide Fava. Tutti e tre, nei loro interventi, hanno ribadito l’importanza, non solo per il Comune, ma anche per l’intera Unione Terre di Castelli, del voto vignolese, Comune capoluogo e di maggiori dimensioni dell’area. Intenso e partecipato il dibattito che ha riportato le preoccupazioni degli iscritti per una impasse del partito locale da superare nel più breve tempo possibile a beneficio della intera comunità vignolese. Davide Fava ha ripercorso la situazione peculiare che si è venuta a creare dopo che il sindaco, espressione di una miscellanea di liste, non è riuscito, dopo solo due anni e mezzo, a portare a termine la legislatura, mentre si fa avanti una destra populista. “I tempi sono stretti – ha confermato Fava – E’ fondamentale puntare a due obiettivi: individuare un candidato capace di rispondere alle richieste dei cittadini e tornare ad amministrare la città, mentre il partito deve riappropriarsi di una normale dialettica democratica capace di un confronto schietto e, comunque e sempre, di una sintesi efficace”. Con questo scopo, è stato chiesto all’Assemblea degli iscritti di rinnovare la delega al Direttivo del Pd vignolese per far ripartire, immediatamente, il percorso aperto e ampio di ascolto e approfondimento. “Il Direttivo è l’organo che deve, per statuto, fare sintesi. – ha detto Fava – ci diamo tempi strettissimi e ci impegniamo a ritrovarci entro una settimana circa per presentare una nuova proposta e chiedere su questa il consenso degli iscritti. Sul programma si costituiranno Gruppi di lavoro ampi che lavoreranno sui singoli temi”. L’Assemblea ha votato la proposta di Davide Fava e si è data appuntamento nel giro di pochissimo.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“PREMIO EMAS 2022”

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto

“Cavalleria Rusticana”

Sabato 2 luglio alle 21:30 presso il Piazzale della Rosa di Sassuolo si terrà una esecuzione integrale in forma di concerto dell’opera di Pietro Mascagni “Cavalleria Rusticana”; il prestigioso appuntamento