Pd Castelnuovo “I dati sfatano le paure, lavorare su integrazione”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del Pd di Castelnuovo Rangone sulle crescenti paure legate al fenomeno migratorio

 

La mattina di domenica 10 novembre, a Castelnuovo Rangone, presso la sede del Circolo Pd si è parlato di stranieri con l’assessora alle Politiche di integrazione del Comune Arianna Welich che ha aggiornato i presenti sui dati delle presenze di immigrati sul territorio. Su un totale di circa 15.000 abitanti i residenti stranieri sono 1.875 e le comunità maggiori sono così formate: 332 ghanesi, 264 srilankesi, 225 albanesi, 224 marocchini, 176 rumeni, 95 indiani, 93 cinesi. E i richiedenti asilo sono 26 di cui 2 famiglie di 4 persone.  Ecco la nota del Pd di Castelnuovo Rangone:

 

“Non sono certo numeri che possano spaventarci! Salvini, non c’è necessità di “chiudere i porti” a Castelnuovo! Sebbene la nostra comunità abbia assunto caratteristiche sempre più interculturali e sia caratterizzato da processi di stabilizzazione sul territorio degli stranieri, nella realtà è cresciuto in questi anni un atteggiamento di diffidenza da parte dei cittadini riguardo al fenomeno migratorio. Una nuova stagione di chiusura e la percezione di insicurezza suscitata dagli immigrati ha raggiunto indici elevati. Molte persone sono d’accordo nel ritenere che gli immigrati siano un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza delle persone. Sensazioni e paure che danno una percezione non corretta del fenomeno migratorio, con un’alta forbice tra dato percepito e dato reale. I dati di Castelnuovo confermano questo fatto. Dati che dovrebbero tranquillizzare anche i cittadini più diffidenti, ma che in questo momento vivono una continua campagna elettorale da parte delle destre che amplifica le paure: per le destre i diversi – per sesso, cultura, colore della pelle, religione – sono il capro espiatorio dei nostri disagi e delle nostre paure. Oggi a rubarci il lavoro e a mettere in pericolo le nostre famiglie e i nostri beni sono i migranti. E per questo sono state fatte delle leggi per fermarli. Due decreti sicurezza che dettano leggi più severe per il soccorso in mare e che aumentano in modo consistente il numero di irregolari con l’abolizione della protezione umanitaria. Sollecitiamo l’Amministrazione a continuare con le politiche di integrazione e interventi di informazione, di sensibilizzazione, di promozione a sostegno di progetti e buone pratiche. Anche il Pd di Castelnuovo si impegnerà in un maggiore coinvolgimento della cittadinanza su questi temi che rappresentano una sfida da affrontare nei prossimi anni”

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati