Patriarca “100 anni di scautismo, un bell’anniversario”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Il deputato modenese del Pd è a Genova per la due giorni di celebrazioni

 

 

 

Il deputato modenese del Pd Edoardo Patriarca, componente della Commissione Affari sociali ed ex presidente nazionale dell’Agesci, è a Genova per festeggiare i 100 anni dello scautismo. “Un anniversario importante – commenta – Sono 100 anni di impegno verso i giovani per un mondo più equo e attento all’altro”.

 

 

 

Il 28 e 29 maggio ricorrono i cento anni delle prime “Promesse” dell’Asci (Associazione scoutistica cattolica italiana). Si tennero a Genova e pronunciarono la loro ‘Promessa’ circa 150 esploratori dei primi quattro reparti dell’Asci. Il successo della nuova associazione fu immediato.  Dopo dieci anni, alla vigilia della soppressione dello scautismo italiano a opera del regime fascista, i reparti censiti erano quasi mille: 989 per la precisione, con una diffusione in tutt’Italia, nelle grandi città come nei piccoli centri. Per ricordare quell’anniversario a Genova, nel fine settimana, è stata organizzata una due giorni dedicata. Nella mattinata di sabato 28 maggio, presso la Sala dei capitani di Palazzo San Giorgio, è organizzata una tavola rotonda intitolata “Una promessa lunga 100 anni”, a cui partecipa, tra gli altri, anche il deputato modenese del Pd Edoardo Patriarca, in qualità di ex presidente nazionale dell’Agesci e di parlamentare impegnato sui temi del sociale. “E’ un anniversario importante, non solo per il mondo cattolico – sottolinea l’on. Patriarca – Festeggiamo 100 anni di impegno verso i giovani, per un mondo più equo e attento all’altro”.

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica