Pasta alla ricotta e rucola

Condividi su i tuoi canali:

None

Ingredienti (2 persone):

·   200 gr di pasta (quella che preferite, ma rimanete sul formato corto)

·   Un mazzetto di rucola, anche due se vi piace molto il gusto.

·   100 gr di ricotta. Stesso discorso, anche di più se gradite.

·   Acqua e sale per la cottura della pasta.

·   Pepe q.b.


Facilissima e velocissima: mettete a bollire l’acqua per la pasta e nel frattempo lavate la rucola, a cui avrete tagliato i gambi.

Scolatela dell’acqua in eccesso e ponetela sul tagliere: a coltello, in maniera grossolana, tagliatela in modo da ottenere un trito non troppo fine.

In una padella mettete la vostra rucola e subito dopo la ricotta.

Prelevate qualche cucchiaiata di acqua dalla pentola della pasta e con questa sciogliete la rucola. Mescolate con un cucchiaio, se necessario aggiungendo ancora un pò d’acqua. Non deve diventare liquida come fosse latte, mi raccomando: deve rimanere un sughetto “”morbido””, adatto a condire bene la pasta. Amalgamate bene dunque ricotta e rucola, poi aggiungete una spruzzata di pepe e accendete la fiamma al minimo qualche minuto, non di più perchè l’intento non è cuocere il sughetto ma solo fare in modo che la rucola si scaldi e vada ad aromatizzare la ricotta sciolta.

A questo punto, avrete nel frattempo buttato la pasta: scolatela quando è al dente e mettetela nella padella con il condimento; l’acqua di cottura potrebbe servirvi ancora, non buttatela via tutta.

Se siete veloci, non occorrerà accendere la fiamma; mescolate e, nel caso il tutto dovesse asciugarsi troppo, aggiungete un filo d’acqua di cottura che avrete messo da parte

Ancora una spolverata di pepe, se gradite.

 

By La Dina

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria