Pasta alla ricotta e rucola

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Ingredienti (2 persone):

·   200 gr di pasta (quella che preferite, ma rimanete sul formato corto)

·   Un mazzetto di rucola, anche due se vi piace molto il gusto.

·   100 gr di ricotta. Stesso discorso, anche di più se gradite.

·   Acqua e sale per la cottura della pasta.

·   Pepe q.b.


Facilissima e velocissima: mettete a bollire l’acqua per la pasta e nel frattempo lavate la rucola, a cui avrete tagliato i gambi.

Scolatela dell’acqua in eccesso e ponetela sul tagliere: a coltello, in maniera grossolana, tagliatela in modo da ottenere un trito non troppo fine.

In una padella mettete la vostra rucola e subito dopo la ricotta.

Prelevate qualche cucchiaiata di acqua dalla pentola della pasta e con questa sciogliete la rucola. Mescolate con un cucchiaio, se necessario aggiungendo ancora un pò d’acqua. Non deve diventare liquida come fosse latte, mi raccomando: deve rimanere un sughetto “”morbido””, adatto a condire bene la pasta. Amalgamate bene dunque ricotta e rucola, poi aggiungete una spruzzata di pepe e accendete la fiamma al minimo qualche minuto, non di più perchè l’intento non è cuocere il sughetto ma solo fare in modo che la rucola si scaldi e vada ad aromatizzare la ricotta sciolta.

A questo punto, avrete nel frattempo buttato la pasta: scolatela quando è al dente e mettetela nella padella con il condimento; l’acqua di cottura potrebbe servirvi ancora, non buttatela via tutta.

Se siete veloci, non occorrerà accendere la fiamma; mescolate e, nel caso il tutto dovesse asciugarsi troppo, aggiungete un filo d’acqua di cottura che avrete messo da parte

Ancora una spolverata di pepe, se gradite.

 

By La Dina

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12