Parchi Emilia centrale:DANNI PROVOCATI DALLA NEVE

Condividi su i tuoi canali:

None

IL PRESIDENTE DEI PARCHI DELL’EMILIA CENTRALE PASINI FA APPELLO ALLA REGIONE PER I DANNI PROVOCATI DALLA NEVE SULLA SENTIERISTICA

 

Le nevicate straordinarie della prima settimana di febbraio hanno provocato pesanti danni alla percorribilità dei sentieri nel Parco regionale dei Sassi di Roccamalatina, con rami e tronchi caduti sui tracciati e buche e voragini nel terreno provocate da smottamenti e alberi sradicati dal peso della neve (nella foto).

Una situazione così preoccupante – anche in vista della vicina riapertura della stagione per i visitatori – che il presidente dell’Ente di gestione per i Parchi dell’Emilia Centrale, Giovanni Battista Pasini, ha preso carta e penna e ha scritto un accorato appello al presidente della Regione Stefano Bonaccini, all’assessore alla difesa del suolo e ambiente Paola Gazzolo, al direttore dell’Agenzia della protezione civile Maurizio Mainetti e al responsabile del Servizio Parchi Enzo Valbonesi, perché venga concesso al Parco un contributo economico straordinario per la messa in sicurezza delle strutture (staccionate, pontili, gradinate, ecc.) e per il ripristino della fruibilità dei sentieri danneggiati, una ventina di chilometri complessivi. “Questi sentieri – scrive il presidente – costituiscono l’infrastruttura-cardine per la fruizione del Parco dei Sassi, che registra 25-30.000 visitatori all’anno”.

Nella lettera si chiede alle autorità regionali competenti di inserire gli interventi fra quelli urgenti da finanziare con le provvidenze recentemente destinate dalla Giunta regionale. «Chiediamo alla Regione – dice Pasini – lo stesso trattamento riservato alla costa per i danni subiti dal maltempo. I nostri sentieri valgono per noi come le spiagge del mare per gli operatori della riviera, sono la nostra attrattiva turistica e il veicolo per la fruizione del territorio».

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati