OVESTLAB”, LE ORIGINI DEL VILLAGGIO ARTIGIANO

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Mercoledì 30 settembre, alle 20,45, nel capannone in via Nicolò Biondo 86 a Modena incontro sul piano urbanistico nato tra comunità e architettura

Il primo ciclo di incontri di riflessione sulle ipotesi si riuso e riqualificazione del quadrante ovest di Modena, proposti nell’ambito di “Ovestlab”, si conclude mercoledì 30 settembre con l’appuntamento dedicato al “Villaggio artigiano. Le origini del piano urbanistico: comunità e architettura”. L’incontro, aperto a tutti, si svolge nel capannone di via Nicolò Biondo 86 con inizio alle 20.45.

La serata sarà aperta dall’assessora all’Urbanistica del Comune di Modena Anna Maria Vandelli e coordinata da Luca Biancucci, direttore del Consorzio attività produttive. Dopo l’introduzione dell’architetto Andrea Cavani, dell’Archivio Cesare Leonardi, sono previsti gli interventi di Matteo Sintini, dell’Università di Bologna; Vanni Bulgarelli, dell’Istituto Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna; Beppe Manni, cultore di storia locale. Durante la serata sarà possibile visitare la mostra “Vinicio Vecchi al Villaggio artigiano”, curata da Gianfranco Bertolotti e Vivia Vecchi.

“Ovestlab”, proposto dal Quartiere 4 e dall’Archivio architetto Cesare Leonardi e promossa dal Comune di Modena e dal Consorzio attività produttive aree e servizi, propone incontri, dibatti ed esposizioni per ragionare sul futuro della parte ovest della città che prendono spunto dall’esperienza della realizzazione del Villaggio artigiano, in un dialogo tra cittadini, residenti, rappresentanti delle istituzioni e professionisti.

Al progetto hanno aderito anche l’Ordine Architetti, l’Ordine Ingegneri, l’Ordine dei dottori Agronomi e Forestali e le associazioni Cerpa Italia Onlus, e Officine Dinamo.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati