ORDINANZA D’INABITABILITA’ E SGOMBERO PER “I GERANI”

Condividi su i tuoi canali:

None

ORDINANZA D’INABITABILITA’ E SGOMBERO PER “I GERANI”

Firmata questa mattina dal Sindaco

 

E’ stato firmato questa mattina dal Sindaco di Sassuolo Claudio Pistoni, il provvedimento d’inabitabilità e sgombero dello stabile di via Circonvallazione nord est denominato “I Gerani”.

 

“Lo stabile denominato “ I Gerani” – si legge nell’ordinanza –  è divenuto nel tempo luogo prevalente di ritrovo di soggetti extracomunitari clandestini e di persone dedite ad attività criminose, come risulta dai controlli e dalle operazioni di Polizia Giudiziaria. Lo stabile in disamina, a causa di gravi irregolarità edilizie, è privo del certificato di agibilità e risulta  sprovvisto di qualsivoglia fornitura ( acqua, luce e gas); considerato che, da quanto accertato nel corso di ispezioni eseguite dalla Polizia Municipale e dalle Forze di Polizia dello Stato presenti sul territorio, si presenta in grave stato di degrado ed in particolare:

porte e finestre dell’intero stabile sono state forzate, danneggiate ed in molti casi asportate, arredi e sanitari sono stati divelti, danneggiati ed in moti casi asportati, gli impianti elettrici, ancorché non in tensione, risultano gravemente compromessi: i fili sono scoperti, rimossi o asportati dalle proprie tubazioni, le scatole di ispezione  risultano gravemente danneggiate e affatto conformi alle norme CEI di riferimento (in particolare alla Legge 186/68 e al D.M. 37/2008 e loro modifiche e integrazioni), tutti gli ambienti, comprese le parti comuni,  presentano gravi carenze igienica assenza di igiene e presenza di evidenti accumuli di rifiuti e di escrementi, gli impianti elettrici necessitano di interventi strutturali di risistemazione e vanno resi conformi alle norme Cei di riferimento, le autorimesse non sono conformi alle norme di prevenzione e incendi ( mancanza di compartimentazione, mancanza di estintori, mancanza di segnaletica di sicurezza, gravi carenze negli  impianti elettrici, non in tensione per mancanza di fornitura)”.

 

“Rilevato che  – prosegue l’ordinanza a firma del Sindaco – gli interventi sin qui svolti, e tramite i quali si è proceduto alla sgombero e alla messa in sicurezza  di alcune unità abitative, non hanno consentito di ottenere risultati apprezzabili, alla luce delle risultanze relazionate dalla Polizia Municipale e dalle Forze di Polizia dello Stato presenti sul territorio ; preso atto che la situazione complessiva dello stabile è gravemente carente sotto il profilo delle misure igienico sanitarie, della sicurezza e della garanzia dell’incolumità fisica di eventuali occupanti e vista la perdurante inerzia dei proprietari ed il pericolo attuale per la salute e l’incolumità pubblica sia degli eventuali occupanti lo stabile che dell’intera collettività, in ragione delle gravi carenze impiantistiche, di sicurezza ed  igienico sanitarie riscontrate; ordina:

l’inabitabilità dello stabile e delle singole unità abitative di Via Circonvallazione Nord-Est, Stabile denominato “ I Gerani”; lo sgombero di persone e cose dallo stabile sopra menzionato e delle sue pertinenze onde consentire ai proprietari lo svolgimento di interventi manutentivi straordinari, di ripristino delle condizioni di sicurezza e di pulizia e di disinfezione delle parti comuni e delle singole unità abitative, dando atto che in caso di inottemperanza si procederà coattivamente in danno e a spese degli interessati”.

 

Si tratta di un’ordinanza contingibile e urgente: nona penna avvenuta la notifica alla proprietà verrà concesso un lasso di tempo, comunque non superiore ai venti giorni, per ottemperare alle misure prescritte, terminato il quale sarà l’Amministrazione comunale a procedere imputando alla proprietà ogni spesa sostenuta.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per