OPPONIAMOCI ALLO STATO D’EMERGENZA E ALLE RESTRIZIONI DELLA LIBERTA’

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 
  
 
 
E’ chiaro che il Covid-19 è la malattia più pubblicizzata e più politicizzata della storia della medicina, perfino dell’hiv, costruita e retta su una massiccia campagna terroristica che ha manipolato interi popoli.
E’ chiaro che dietro a questa situazione c’è una strategia di natura economica e finanziaria pianificata da tempo per il trapasso dittatoriale al nuovo ordine mondiale. Siamo di fronte ad una colossale truffa. Per questo nonostante la sistematica opposizione del mondo della libera cultura: scienziati, medici, giuristi, giornalismo di inchiesta e cittadini, l’allarme mainstream non si è ancora spento. La lotta continua.
 
Dietro alla manipolazione del pensiero di massa si nascondono colossali interessi, ne è la prova il cosiddetto “”Decreto Rilancio”” diventato legge il 16 luglio, approvato dal Senato in via definitiva con 159 sì e 121 no. Provvedimento-calderone di 266 articoli con misure urgenti per la sanità e l’economia, votato sia alla Camera che al Senato sulla fiducia.
La disobbedienza civile è necessaria quando le leggi sono contro la democrazia e la libertà, e la legalità oggi è nella resistenza.
Bisogna continuare a tenere alto il dibattito contro lo stato d’emergenza e a questo fine trasmettiamo l’intervista allo psichiatra Alessandro Meluzzi e l’intervento in Parlamento di Sara Cunial (Gruppo Misto). Buona visione!
“”VOGLIONO INFILARCI NELLE CHIAPPE GLI 800 MILIONI DI VACCINI GIÀ PREPARATI E PAGATI!”” – Alessandro Meluzzi, Psichiatra e criminologo
Radio Radio TV, 14 luglio 2020 – https://youtu.be/V14j9JPE5v0 (15 min e 10 sec)
SARA CUNIAL SCATENATA IN PARLAMENTO – “”COVID INNOCUO! È UNO STATO DI EMERGENZA CHE NON ESISTE!””
Radio Radio TV, 14 luglio 2020 – https://youtu.be/r3n8GhxKhVY (3 min e 29 sec)
Vivamente
Lega Nazionale
Contro la Predazione di Organi
e la Morte a Cuore Battente
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per