OPERAIO MORTO ALLA CAVIRO DI SAVIGNANO SUL PANARO, SIA FATTA LUCE SULLA DINAMICA

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Fai-Cisl Emilia Centrale e Flai-Cgil Modena si stringono intorno ai colleghi di lavoro e alla famiglia di Roberto Antolini, l’operaio 45-enne morto ieri presso lo stabilimento Caviro di Savignano sul Panaro nello svolgimento delle sue mansioni.

 

Il lavoratore sarebbe stato impegnato, intorno alle 13.30, nelle operazioni di travaso del vino presso le cisterne dello stabilimento dove, per cause ancora da accertare, avrebbe perso conoscenza.

 

Fai-Cisl Emilia Centrale e Flai-Cgil Modena auspicano che sia fatta velocemente luce su quanto successo in quanto il luogo in cui è stato trovato il lavoratore può far supporre anche il rischio di morte per le esalazioni provenienti dai silos di stoccaggio del vino.

 

 

Fai-Cisl Emilia Centrale e Flai Cgil Modena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo