“Oh, quanta strada avrà fatto Bartali…” 

Condividi su i tuoi canali:

Dipinti di Oliviero Filippini a cura di Gianfranco Ferlisi – Dal 13 aprile 2024 al 1° settembre 2024 presso la Galleria Menghini di Castiglione delle Stiviere – Inaugurazione sabato 13 aprile 2024 ore 17:00. Servizio fotografico di Corrado Corradi.

“Oh, quanta strada nei miei sandali, quanta ne avrà fatta Bartali […]”: così cantava Paolo Conte nei lontani anni ’70 e nel ricordo di una canzone si riaccende ora anche la ritrovata vena creativa di Oliviero Filippini. A Castiglione delle Stiviere, presso la Galleria Menghini, si apre il prossimo sabato 13 aprile (alle ore 17:00) una mostra d’arte in cui i riflettori della pubblica fruizione illumineranno le opere di un talento locale: Oliviero Filippini, classe 1953, diploma in pittura a Brera, diploma di restauro di opere lignee a Brescia, quarant’anni d’insegnamento di “Discipline Pittoriche” al Liceo Artistico di Guidizzolo… Il Menghini omaggia così un acclarato maestro e il maestro, con questa mostra, tributa un omaggio alla Città, alla sua gente e a un evento speciale legato alla prossima tappa a cronometro che, il 18 maggio prossimo, incoronerà Castiu’, quale piccola capitale delle colline Moreniche. Diciannove opere tutte inedite parleranno di ciclismo attraverso il linguaggio artistico che è proprio del nostro autore, un linguaggio postmoderno, post-concettuale, sostenuto da un rigore linguistico trans-figurativo che conduce oltre l’artificio espressivo della tradizione per restituire, nelle opere, una vera e propria fusione dinamica tra il mezzo, la bicicletta, e il ciclista ripiegato sul manubrio, in un tutt’uno atto a delineare un’unica forma plastica in cui l’intreccio delle linee arcuate, le linee forza”, caratterizzano la costruzione della forma nel suo insieme e nel rapporto col paesaggio di contesto. È certo che tutte le sue immagini, attraverso intelligenti scelte di registro, di stile e di contenuti, s’incarnano in soggetti icasticamente congeniali alla poetica dell’immediatezza che l’arte del ciclismo pretende. La sua tavolozza costruisce ogni immagine con colori accesi e forti, con inserti materici sfavillanti come argento e oro, mentre la pennellata rapida, irrequieta, fatta di tocchi depositati ritmicamente, intesse trame leggere, mitigate dalla sicurezza del disegno e da preziose eleganze di superficie. Si palesa, davanti ai nostri occhi, tutta la sapienza di un pittore in grado di parlare, con genialità autentica, di un’arte che riesce a restare tale anche nel racconto di uno sport che appartiene a tutti; di un’arte che esalta la velocità di ciclisti in gara lungo le strade mantovane del Giro, di un arte che mentre parla di superuomini a due ruote (novelli Bartali) ci ricorda che la bicicletta è sfrecciata anche nei capolavori dei più grandi artisti del Novecento: da Mario Sironi a Fortunato Depero, da Picasso a Natalia Goncharova, da Fernand Léger a Salvator Dalì (per non parlare di Duchamp).

INFO:

Oh, quanta strada avrà fatto Bartali… Dipinti di Oliviero Filippini – Dal 13 aprile 2024 al 1° settembre 2024 – Inaugurazione sabato 13 aprile 2024 ore 17:00

Giorni e orari di apertura: Venerdì ore 15.00/18.00 – Sabato e Domenica ore 9.00/12.00 e 15.00/18.00 – Via Cesare Battisti, 27 – Castiglione delle Stiviere

Ingresso libero

Contatti: Infopoint tel. 0376 944061 – infopoint@comune.castiglione.mn.it

Ufficio Turismo: tel. 0376 679305 – 306 turismo@comune.castiglione.mn.itwww.valorecastiglione.mn.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria