Nuovo Polo Scolastico Via Motta, Spezzano di Fiorano

Condividi su i tuoi canali:

None

 Come annunciato, si sta sviluppando l’iter progettuale e di approvazione relativa alla realizzazione delle nuove scuole dell’infanzia ed elementari di Fiorano Modenese. Come noto il progetto, inizialmente pensato come Nuovo Polo Scolastico Via Motta, è stato poi trasformato in due progetti distinti e separati: il primo per la scuola dell’infanzia e il secondo per la scuola elementare. La scuola dell’infanzia vanta già un progetto esecutivo, verrà realizzata per prima in quanto lo spazio identificato, vale a dire il parcheggio delle scuole Bursi, già di proprietà del Comune e necessita solo di un cambio di destinazione che avverrà in questi giorni. La scuola elementare necessita invece di tempi più lunghi dato che sorgerà in un’area attualmente di proprietà privata che deve subire un cambio di destinazione d’uso, peraltro già approvato dalla conferenza dei servizi, che dovrà poi passare in consiglio per un’ulteriore approvazione. Sono previsti quindi vari adempimenti che necessiteranno di ulteriori 12 mesi per vedere il progetto a gara. Ragionevolmente la materna dovrebbe essere realizzata entro il 2022 mentre per le elementari si dovrà attendere il 2023 per l’assegnazione della gara di appalto. Nella stessa area identificata per le scuole elementari si verificherà anche la fattibilità di una palestra polifunzionale, realizzata come prevista in origine nel progetto del Nuovo Polo di via Motta, con altezze e strutture adatte ad accogliere le diverse discipline sportive che necessitano di spazi differenti rispetto a quelli utilizzati al momento. Non era questo il progetto per cui il presente comitato era nato, nonostante ciò riteniamo davvero positivo il fatto che verranno realizzate per la comunità fioranese due nuove scuole, moderne, ad impatto energetico praticamente zero, a totale sicurezza sismica e senza barriere architettoniche. Sono stati sollevati dubbi circa l’impatto sul traffico e la disponibilità di parcheggi di questi due progetti a cui l’amministrazione ha risposto con studi affidati a professionisti di fama nazionale i quali dimostrerebbero la completa sostenibilità del progetto. Al di là di questo, sul traffico, ci sembrano importanti alcune considerazioni. La prima riguarda la mobilità nel trasporto che dovrebbe essere sempre più sostenibile, vista la vicinanza alla scuola della maggior parte delle famiglie questa dovrebbe solo migliorare. La seconda riguarda la situazione attuale che per entrambe le scuole ha già ora un impatto notevole sulla viabilità locale negli orari specifici nelle zone interessate. Inoltre, anche tenuto conto del sommarsi del traffico delle medie Bursi a quello della scuola materna, la nuova viabilità dovrebbe facilitare flusso e deflusso. Infine, certo, se le scuole fossero state realizzate dove previsto in origine, la situazione sarebbe stata anche migliore ma è questa la realtà dei fatti.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per

Una mossa tempestiva e anche simbolica

Giorgia Meloni è in Algeria per la sua prima visita di stato. E’ incentrata sull’energia nell’ottica del Piano Mattei, finalizzato a fare dell’Italia l’hub energetico del