‘Nuovo accordo di maggioranza per il futuro di Modena’

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Il sindaco Pighi ha rifiutato le dimissioni dell’assessore Sitta, siglata l’intesa con i partiti del centro sinistra, deleghe azzerate: nuova giunta nominata entro 36 ore

 

E’ stato rinnovato l’accordo della maggioranza di centro sinistra alla guida del Comune di Modena dopo che il sindaco Giorgio Pighi aveva rifiutato in serata le dimissioni presentate dall’assessore Daniele Sitta nella mattina di oggi, mercoledì 18 aprile. Azzerate le deleghe di tutti gli assessori, la nuova giunta – forte dell’intesa siglata tra le forze politiche – sarà nominata entro 36 ore.

“Abbiamo stretto – spiega il sindaco Pighi – un accordo politico sui temi che saranno al centro della seconda parte della legislatura che si possono sintetizzare in quattro aree: crisi e lavoro, sostenibilità del welfare, innovazione e città vasta, nuovo Piano strutturale comunale”

“Sulla base di questi temi – aggiunge il sindaco Pighi – abbiamo definito anche un accordo sullo schema generale di governo della città, più esteso nella rappresentanza, rinnovato negli incarichi e forte espressione di competenze e capacità politiche. Gli assessori e gli assetti della nuova giunta li definiremo nell’arco di 36 ore per rispettare i tempi politici e amministrativi indispensabili. Ma presto, il 28 e 29 aprile o comunque prima possibile, si svolgerà – annuncia il sindaco Pighi – un’assemblea generale del centro sinistra per dare corpo e spessore alle linee programmatiche”.

 

Cs

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un