NOVI SAD: stato dei lavori del nuovo parcheggio e…passeggio tra i reperti…

Condividi su i tuoi canali:

None

Realizzati 12 mila 500 metriquadrati di fondazione e quattro corpi scala. In fase avanzata anche la rampa di accesso da viale Monte Kosica. Fine attività a inizio 2012

 

Assieme al progetto per il museo archeologico “”open air””, al Novi Sad prende corpo anche il Novi Park, parcheggio interrato che darà ospitalità a 1.700 posti auto, giunto circa a metà dei lavori delle strutture portanti. Nella zona già liberata dagli scavi archeologici, sono stati realizzati 12 mila 500 metriquadrati di fondazione, sulla cui superficie è in corso il montaggio delle strutture prefabbricate che costituiranno i futuri due piani del parcheggio. Quattro corpi scala sono stati completati, tra cui quello principale in direzione via Fontanelli – Foro Boario, dove saranno posizionate le casse di ingresso e la rampa di collegamento interno tra i due piani. In fase avanzata è anche la realizzazione della rampa di accesso da viale Monte Kosica, con uno sviluppo complessivo di 100 metri. Il completamento dell’opera è previsto per i primi mesi del 2012.

°°°°°°°°

 

Novi Sad, a passeggio tra i reperti lungo la strada romana

Prende forma il progetto del museo archeologico “open air” che sarà realizzato a parcheggio terminato. In zona anche info point, book shop, area ristoro ed esposizioni

 

Una passeggiata lungo la strada romana, sulla quale sono ben evidenti i segni del passaggio dei carri; una visita alla vasca circolare, portata al livello del prato e riempita delle anfore ritrovate; o ancora quattro passi tra le steli funerarie dell’antica Mutina. Al termine dei lavori di realizzazione del parcheggio interrato, il parco Novi Sad diventerà un grande museo archeologico “”open air””, sulla scia di analoghe esperienze europee e locali (la Terramara di Montale), un luogo dalla spiccata vocazione storica.

Il parco archeologico, così come è stato immaginato da assessorato alla Mobilità e Museo civico del Comune di Modena insieme alla società Modena parcheggi, gestore e realizzatore dell’opera, e con il parere della Direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici, della Soprintendenza per i Beni archeologici, della Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici, coniugherà due diverse finalità: trasmettere la storia e le funzioni di questo luogo inserito nel contesto urbano e valorizzare i reperti del museo archeologico.

Il nuovo progetto, in fase di discussione da parte del gruppo di lavoro, prevede la completa musealizzazione in superficie di alcuni dei ritrovamenti più rilevanti tra cui, appunto, il tratto di strada romana basolata recentemente emersa, lunga 110 metri e larga 5-6 metri, e il complesso rurale con la vasca circolare di 14 metri di diametro risalente alla prima età imperiale nell’area a nord ovest del parco. La pista ovale, che rimarca l’originario tracciato per le gare di trotto, rimarrà il segno distintivo del luogo e sarà la porta d’accesso sia per il parcheggio che per il parco. Il tracciato centrale, altro asse portante, diventerà il percorso di visita principale, affiancato dalla strada romana, a sua volta completamente calpestabile, e da una esposizione delle steli funerarie più importanti.

Dal tracciato centrale partiranno alcuni sentieri laterali che condurranno alla strada lastricata. Un ulteriore percorso, nel lato ovest, condurrà alla vasca circolare, ricollocata al piano del prato con protezione in vetro superiore e laterale, all’interno della quale saranno collocate le anfore rinvenute durante gli scavi.

L’area di ingresso del parcheggio nel lato sud-est, dotata di scale e ascensori, verrà ampliata al fine di accogliere l’info point, un book shop, una zona ristoro e una sede espositiva di parte dei ritrovamenti archeologici. Il centro, aperto al pubblico, svolgerà attività in stretta relazione con il vicino Museo civico archeologico. In alcuni tratti delle scale del parcheggio sarà possibile osservare i diversi strati di terreno che hanno segnato epoche importanti per Modena e che di volta in volta sono stati coperti a causa di alluvioni.

Il tracciato della pista e l’area con fronte tribuna, che insieme alla tribuna stessa potrà accogliere 4 mila 500 persone a sedere, potranno ospitare eventi musicali, spettacoli e rappresentazioni a carattere storico/rievocativo.

La conclusione dell’iter progettuale intrapreso dal gruppo di lavoro è prevista entro il mese di dicembre. Nel frattempo, le nuove soluzioni prospettate per il parco saranno presentate alla città in un incontro pubblico, occasione di confronto e di spunto per il miglioramento del progetto.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati