Nonantola, il Natale è più vicino con l’evento Fatto in Italia

Condividi su i tuoi canali:

None

 

DOMENICA 3 DICEMBRE DALLE ORE 7.30 ALLE ORE 19.00

Nonantola, il Natale è più vicino con l’evento Fatto in Italia 

 

Domenica prossima 3 dicembre l’evento Fatto in Italia – penultimo appuntamento dell’anno con la nota rassegna mercatale – torna a Nonantola. La città dell’Abbazia si prepara alle feste e l’evento Fatto in Italia offrirà il proprio contributo. Attraverso, un’opportunità di shopping originale, il cui valore aggiunto è dato si dai prodotti di qualità, ma anche dalla professionalità degli operatori.

 

Considerata l’occasione, facile immaginare che fin dal mattino non saranno pochi coloro che ne approfitteranno per sbirciare e scoprire quanto hanno da offrire gli operatori presenti per l’intera giornata dalle 7.30 alle 19.00. Sui banchi sarà possibile trovare, abbigliamento per tutta la famiglia, articoli per la casa, il tempo libero, calzature, biancheria etc. da regalarsi o da mettere sotto l’albero, per parenti e amici. Un’offerta di merce di qualità di produzione sia italiana che estera a costi contenuti ed accessibili per tutte le tasche.

 

 

Con cortese richiesta di segnalazione
 

Grazie dell’attenzione, buon lavoro
 
Ufficio Stampa

____________________

Nevent Srl

Via Giardini 456/C – 41124 MODENA 
Tel. 059.2929413 – Fax 059.342008

www.nevent.it  info@nevent.it

 


 

foto3.JPG (423 Kb)
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati