Non ha vinto FI, Lega Nord, FdI ma ha perso Renzi.

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Offendere i propri elettori definendoli Miserabili, Ignoranti, Sdendati o  Accozzaglia non porta fortuna …Massimo, resta …

Non hanno vinto Forza Italia, la Lega Nord o i Fratelli d’Italia nè, tantomeno, i 5 Stelle; ha perso Matteo Renzi e la sua proposta di Riforma costituzionale, malfatta e problematica.

 

Gli italiani hanno largamento bocciato, senza appello, i trabocchetti e i numerosi punti deboli e hanno deciso di andare a votare in massa e chiaramente.

Renzi, definendo i suoi avversari “Accozzaglia” è entrato ufficialmente nella numerosa schiera degli Sconfitti che, presagendo la fine, hanno offeso i propri elettori definendoli Miserabili (Clinton), Ignoranti (Cameron), Sdentati (Hollande).

 

Oggi bisogna formare un Assemblea elettorale che definisca una nuova Carta Costituzionale, condivisa, come accadde nel 1946/47; allora fu raggiunto un accordo su un testo da parte quasi del 90% dei Costituenti oggi il testo proposto si basava su un “Abbiamo i numeri” di Renzi nell’agosto 2015, numeri derivanti da una legge elettorale dichiarata incostituzionale.

Ugualmente bisogna evitare di screditare gli Avversari paventando chissa’ quali scenari negativi o annunciare proprie partenze in caso di sconfitta.

Non sono ricco e da Bottura potrei forse permettermi il coperto ma ritengo Bottura una Risorsa importante della nostra Città, oggi forse la più importante, ed è per questo che ritengo una voce dal sen fuggita l’annuncio, assolutamento inopportuno, di una sua partenza in caso di vittoria del NO; il NO ha vinto e Bottura sono convinto che resterà perchè lui stesso sa che il nostro Territorio, i suoi Prodotti e la sua Magia sono alla base dei suuoi piatti.

 

Massimo, resta. E un altra volta vota quello che ti pare ma le promesse impossibili da mantenere lasciale ai “personaggetti” come De Niro che, malgrado gli annunci, resterà a Tribeca, New York, a poche centinaia di metri dalla Trump Tower.

 

                                                                                                                   

 

                                                            

                                                                    

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati