“”Non è amore”” al Teatro Cittadella

Condividi su i tuoi canali:

Una serata davvero “magica”: tanti brividi, tanta energia, qualche lacrima ed emozioni  a non finire. Questo è stato il 25 Novembre al Teatro Cittadella. Questo è stato il modo in cui gli organizzatori hanno trattato un tema così “scomodo”. 

Servizio fotografico a cura di Corrado CORRADI

 


E’ stata una serata molto intensa e ricca di emozioni, quella che si è tenuta Sabato sera al Teatro Cittadella di Modena, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Organizzata dall’Associazione Musicale Avanzi di Balera e dall’ Associazione Magica-mente, “Non è amore”  aveva un intento ben preciso.  Le due associazioni modenesi, infatti, solidali con la tematica che tutto il mondo in quella giornata ricorda, con una serata di musica (e quindi in un modo, se volete, più “leggero”, ma più fruibile)volevano  dare il loro contributo affrontando un argomento purtroppo ancora molto attuale. Lo scopo : quello di trasmettere i valori della non violenza, dell’uguaglianza, della parità, con la leggerezza che la musica solitamente permette di avere, nonostante si tratti di tematiche terribili.

La serata , condotta da Francesca Mercury, si apre con il poeta di fama internazionale Sergio Camellini, vincitore di prestigiosi premi e riconoscimenti  e autore di molti libri di poesie dedicate alle donne, che declama alcuni suoi versi.

Ma sono le “quote rosa”, a caratterizzare  l’evento. E infatti la parte musicale di apre con la band “Avanzi Tutta”,  resident band degli Avanzi di Balera, che schiera le voci femminili. Roberta, Saura e Antonella,  voci molto diverse tra loro e che abbracciano tutte le “sfumature” vocali e musicali, cantano brani appartenenti a diverse epoche, con un occhio di riguardo ad interpreti come Tina Turner e Whitney Houston, che sappiamo aver vissuto storie di violenza famigliare tremende. Con la sua bellissima versione blues di “Come Together” viene anche ricordata la recente scomparsa di uno dei più importanti bluesman italiani, Rudy Rotta. Una menzione anche all’immenso Freddie Mercury, il cui anniversario della morte ricorreva venerdi, con  la magnifica “Under Pressure” . E’ poi la volta della conduttrice della serata Francesca Mercury, una figura di spicco del panorama musicale emiliano  che da sempre sostiene le donne e il loro ruolo all’interno del settore della musica e dello spettacolo, che da consuetudine è  prerogativa maschile .  Francesca canta HEROES, del compianto David Bowie, ricordando a tutte le donne presenti in sala che si può essere degli eroi. Anche solo, come cita il testo, per un giorno.

Arriva poi il momento più atteso. Si spengono le luci sul palco,  e senza nessuna presentazione parte la proiezione del video “Non è l’amore”, brano registrato pochi giorni fa dalle  HIGH HEELS, una band di giovanissime , interamente al femminile. 

Scritto dalla cantautrice sassolese Morgana Montermini  in memoria di Giulia Galiotto, la giovane sassolese uccisa dal marito a colpi di pietra,  il video di “Non è l’amore” lascia il pubblico a bocca aperta, e anche parecchio emozionato. Il testo del brano racconta appunto di Giulia, una  ragazza di 30 anni barbaramente uccisa  dal marito, dopo anni di   pesanti angherie.   E viene chiamata sul palco la band, che inizia a prepararsi per il loro set, e soprattutto vengono chiamate a dire qualche parola Morgana , l’autrice, e la Signora Giovanna Ferrari, la mamma di Giulia. Che fa un intervento molto sentito e molto importante.

Dopodichè, si parte col rock. Il rock al femminile delle High Heels. Ed è successo strepitoso.

La serata si chiude con la terza e ultima band, i Magical Minds, che anch’essi per l’occasione schierano un vero e proprio plotone di voci femminili: Chiara, Tamayo, RosaMaria e Patrizia.

Le ragazze propongono un vero e proprio “viaggio musicale”, con diversi stili e arrangiamenti. Brani immortali come “Proud Mary”, “Venus”,  e “Ma che freddo fa”, scaldano le voci e le mani del  pubblico presente in sala.

In chiusura di serata, tutti gli artisti sul palco a cantare “No woman, no cry” di Bob Marley.

Una serata davvero “magica”: tanti brividi, tanta energia, qualche lacrima ed emozioni  a non finire.

Questo è stato il 25 Novembre al Teatro Cittadella. Questo è stato il modo in cui gli organizzatori hanno trattato un tema così “scomodo”.

 Con un messaggio ben preciso, ribadito dalla Sig.ra Ferrari: quello che tante donne subiscono, soprattutto in ambiti famigliari, NON E’ AMORE.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire