Non autosufficienza\1 – a Modena 65 milioni

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Non autosufficienza\1 – a Modena 65 milioni

alla rete dei servizi per anziani e disabili

 

Superano i 65 milioni di euro i fondi della Regione destinati al  territorio modenese per i servizi a sostegno di anziani non autosufficienti e disabili; se a questi si aggiungono le risorse previste dal Fondo nazionale, integrato da risorse regionali, nel 2017 per Modena sono disponibili oltre 70 milioni, in linea con i fondi del 2016 e quasi due milioni in più rispetto al 2015.

La Conferenza territoriale sociale e sanitaria della provincia di Modena ha approvato, nei giorni scorsi, la ripartizione nei diversi distretti sulla base della popolazione oltre i 75 anni, la presenza di disabili, le percentuali di spesa dell’anno precedente e i preventivi presentati dai distretti stessi.

Le risorse sono così ripartite: oltre 18 milioni per Modena, quasi dieci milioni ciascuno per i distretti di Carpi e Sassuolo, oltre otto milioni per Mirandola e Vignola, quasi sei milioni per Castelfranco Emilia e oltre quattro milioni per Pavullo.   

«Sono risorse fondamentali – hanno sottolineato Gian Carlo Muzzarelli e Alberto Bellelli, copresidenti della Conferenza – che, grazie all’impegno straordinario della Regione, rafforzano la rete dei servizi, migliorano la qualità dei livelli di assistenza, aumentando anche le persone alle quali riusciamo a fornire l’assistenza necessaria. La capacità di fornire risposte sempre più adeguate alle esigenze della famiglie rappresenta una sfida fondamentale per il futuro, in presenza di una prospettiva di vita che si allunga grazie anche all’eccellenza dei nostri servizi sanitari».

La quota modenese dei fondi a livello regionale per tipologia di intervento prevede oltre 44 milioni per le attività rivolte agli anziani sulla base dei dati demografici, oltre 17 milioni per i disabili e un milione e mezzo per le disabilità gravi come la Sla.

In base ai dati relativi al 2016 gli anziani over 75 sono oltre 82 mila in crescita (erano oltre 68 mila nel 2006), e gli over 85 sono quasi 26 mila, quando erano 17 mila nel 2006.  

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per