NON AUTOSUFFICIENZA. BOSCHINI: “ULTERIORI 16 MILIONI E MEZZO IN FAVORE DI ANZIANI E DISABILI”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Il relatore della legge, approvata oggi in Assemblea Legislativa, spiega la variazione di bilancio, che è al tempo stesso una scelta politica: si utilizzano risorse che a fine anno avrebbero rischiato di andare in avanzo, per rispondere alle esigenze delle famiglie che hanno persone non autosufficienti a carico.

 

È stato approvato oggi in assemblea legislativa il progetto di legge “Misure per la definizione di procedimenti riguardanti l’esercizio finanziario 2017” il cui relatore è il consigliere regionale Giuseppe Boschini. Il Fondo Regionale per la Non Autosufficienza (FRNA) è stato istituito dall’articolo 51 della Finanziaria regionale del 2004 (l.r. n. 27 del 2004) per finanziare i servizi socio-sanitari rivolti alle persone in condizioni di non autosufficienza (anziani e disabili) e a coloro che se ne prendono cura.

“Si tratta di un progetto di legge che non è solo una semplice variazione di bilancio ma è una manovra mirata a rafforzare un capitolo specifico per i fondi sulla non autosufficienza: una scelta politica che rivolge risorse regionali libere, 16 milioni e mezzo, che rischiavano di risultare non impegnate a fine anno e di finire in avanzo di amministrazione per il futuro, alle attività assistenziali presenti sul territorio e nei Comuni, in favore delle persone anziane e disabili, già nell’immediato”.

“Le risorse sono individuate da varie missioni, quali capitoli sociali, incarichi non affidati di personale, cofinanziamenti per progetti non avviati – prosegue Boschini – affinché si possa trasformare quello che per i principi di armonizzazione contabile rischiava di essere un avanzo tecnico in una risposta ad un bisogno molto concreto, che coinvolge molte famiglie emiliano-romagnole”.

 

Ufficio stampa Gruppo Partito Democratico

Assemblea Legislativa Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 50, Bologna

www.gruppopdemiliaromagna.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo