“”Noio vulevan savuar””

Condividi su i tuoi canali:

""Lady Pesc"", oltre alla conoscenza delle lingue e al bon ton dei sobri completini e dei fili di perle,dovràdimostrare di saper fronteggiare le vecchie volpi della politica internazionale.  


 

Quanto, nel mondo attuale, sia indispensabile la conoscenza della lingua inglese,è cosa nota. Per questo è giusto che i bambini la studino fin dai primissimi anni di scuola in modo da poterne avere reale conoscenza e dimestichezza nell’età adulta. Conoscenza e dimestichezza che schiudono molte porte, anche prestigiose. Quando si tratta di dicasteri come  quello degli Esteri è sicuramente così e, a maggior ragione, quando il ministero è quello d’Europa, al quale Federica Mogherini è chiamata.  Di sicuro la Mogherini parla l’inglese meglio di Renzi e la cosa non è difficile … Sentire il Premier arrabattarsi, senza alcuna necessità, poi…a parlare un inglese così indecente, sotto ogni aspetto… è parsa una gag spassosa quanto la celeberrima  “”Noio vulevan savuar”” di Totò e Peppino De Filippo, sperduti provinciali attempati e ingenui, a Milano. Ma sarà  più difficile essere autorevole e credibile politicamente, molto più difficile e Federica Mogherini, nuovo ministro degli Esteri dell’Unione europea,””Lady Pesc””, ossia Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e la sicurezza comune…dovrà, oltre alla conoscenza delle lingue, e al bon ton di completi pantalone sobri e  filo di perle, dimostrare  di sapersi muovere fra le vecchie volpi della politica internazionale… primo fra tutti quel Putin al quale  praticamente ogni giorno lancia appelli e ingiunzioni, su cosa deve fare in Ucraina, sulle  ritorsioni economiche, etc. appelli e ingiunzioni  dei quali Putin nemmeno conosce l’esistenza, figuriamoci se se  ne può minimamente preoccupare. Tutti questi giovani reclutati dal premier sono studenti modello e hanno fulminanti carriere interne al PD e la Mogherini non fa eccezione. Ma non so se questo, obiettivamente, possa fare di loro e di lei dei bravi Ministri.

Come sempre, staremo a vedere.

 

Vi illustro il  nuovo numero, on line da oggi:

 

Maria firma Genitori veri …cercansi urgentemente. Si parla sempre di giovani senza ideali, fa ricorso a tutta la retorica sulle colpe delle giovani generazioni. Quando, invece, dovremmo chiederci  dove sono il padre e la madre di questi  ragazzi e ragazze, che lasciano un figlio  “”libero”” fino a non curarsene.

Massimo Nardi nel suo bel pezzo Il nemico alle porte, parla della città di Modena e della Libia… entrambe protagoniste, così  lontane, all’apparenza, eppure cos’ vicine, con i problemi dell’una che, inevitabilmente, si ripercuotono sull’altra

Alex Scardina nel suo salomonico Un colpo al cerchio e un colpo alla botte, parla delle promesse mancate del Governo ma anche delle aspettative fuorivianti ed eccessive che certa informazione  ha alimentato

Il Sen. Paolo Danieli nell’articolo Doveva cambiare l’Italia analizza l’operato del Premier Renzi   che dispensa manciate di ottimismo, proprio come faceva Berlusconi, guadagnando così temporanei consensi e nel frattempo sposta ogni giorno più in là la data della ripresa, se mai ci sarà. Ma la crisi continua.

In Come farsi male da soli e vivere infelici e scontenti Giorgio Maria Cambiè alla luce della risposta di Putin alle sanzioni imposte da USA  e UE , con blocco delle importazioni di moltissimi prodotti, giudica le nefaste conseguenze economiche che ne seguiranno.

Eugenio Benetazzo, con l’ironia che gli è consueta, nell’articolo Il Big Jim tedesco, racconta del suo incontro ad Hannover,  con il famoso personaggio della Mattel oppure con qualcuno che gli assomigliava tantissimo.

Per Opinioni a confronto, Alberto Venturi e Gianni Galeotti firmano  Mal comune mezzo gaudio, oppure no?   sull’atteggiamento differente  di fronte alle notizie sulla battuta d’arresto, benchè minima, della Germania, notizie che preoccupano alcuni oppure, banalmente, inducono altri a pensare che sia tutto sommato “”un mezzo gaudio””.

 

Auguro a tutti voi buona settimana e buona lettura del n. 432-95

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista