“Nessuno pensi di dividerci”

Condividi su i tuoi canali:

Così afferma Luigi di Maio. Non ce n’è bisogno: il M5S sta facendo tutto da solo: anche l'ultimo principio ancora intatto del Movimento è andato in frantumi: la compattezza e il seguire quanto deciso dalla base

 


Lo ha detto durante la crisi Luigi Di Maio ex e nuovo ministro agli esteri: «Ricordiamo che nel 2018 abbiamo preso il 33% dei voti e in Parlamento siamo la forza politica più grande, siamo determinanti. Ora dobbiamo mostrarci compatti. Chiedo unità a tutti, nessuno pensi di dividerci».

Non ce n’è bisogno; il M5S sta facendo tutto da solo.

Capisco il contendere e, in parte, approvo alcune posizioni di Di Battista, perché troppo presto dimentichiamo il passato e le responsabilità di chi era protagonista, ma vien da dire: “”Da che pulpito!””. Quelli che non accettano Draghi sono gli stessi che hanno tranquillamente governato con il Pd e la Lega, sottoscrivendo alcune politiche di Salvini quantomeno criticabili e dopo avere giurato: “Con il Pd mai!”, senza mai realizzare quel superministero all’ambiente ora preteso.

Due governi molto diversi nei quali tutto il M5S si è trovato comunque a suo agio, visto che il primo è caduto a causa di Salvini; il secondo a causa di Renzi.

Certo che è triste vedere certi nomi riemergere, come era comunque prevedibile in quanto obiettivo di Renzi, ridare spazio ad un centro destra moderato, ma anche nel Pd, nella Lega e in Italia Viva ci sono rappresentanti discutibili eppure sono stati accettati.

Comunque anche l’ultimo principio ancora intatto del Movimento è andato in frantumi: la compattezza e il seguire quanto deciso dalla base.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative