Nessun Sindaco ha mai approvato il progetto dello stoccaggio di gas a Rivara

Condividi su i tuoi canali:

Tanja Lugli, sindaco di San Possidonio, e attuale presidente dell’Unione dei Comuni Area Nord interviene sul progetto del deposito di gas a Rivara e spiega la presa di posizione della Bassa. Ha scritto alle più alte cariche istituzionali.

Sindaco a chi ha scritto?

 

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi, al Ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani, al Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e al Ministro per l’Attuazione del Programma di Governo Giulio Santagata e anche alla Independent società che proposto il progetto. 

 

Il centrosinistra attacca il Governo precedente reo, a loro avviso, di aver stravolto la normativa in materia energetica e di aver autorizzato una concessione. Però la situazione anche col Governo Prodi non cambia, chi decide lo fa da Roma.

 

Nei mesi scorsi la ditta Independent Gas Management srl ha informato le Istituzioni locali della sua intenzione di realizzare un deposito sotterraneo di gas in località Rivara di San Felice sul Panaro, con l’autorizzazione del Governo Berlusconi. Comprendo che tale procedura sia conforme a quanto previsto dalle norme istituite dal Decreto Letta, ma ritengo indispensabile che per decisioni così importanti, venga avviato un confronto che preveda il coinvolgimento degli Enti locali presenti sul territorio, i quali, come è noto, non hanno alcun potere sulla materia in esame. Non è ammissibile infatti che tali temi siano affrontati a prescindere degli interessi delle popolazioni direttamente interessate. Ho chiesto pertanto quale sia l’orientamento del Governo in questa materia così delicata, ribadendo il disappunto e la contrarietà nei confronti del precedente Governo che ha avviato le procedure ignorando completamente le autonomie locali e ricordando altresì che, sia i Sindaci che il Consiglio dell’Unione, hanno espresso un parere sfavorevole sul progetto.

 

Qualche proposta la dovrete avanzare pure voi.

 

Noi abbiamo già dato il nostro parere, che non è vincolante. La Bassa non può pensare di ospitare un progetto di questo tipo per tante criticità emerse nei numerosi incontri pubblici e negli incontri con i tecnici. Al Governo ho offerto la piena disponibilità mia e dei colleghi Sindaci dell’Area Nord per approfondire gli argomenti in oggetto nei modi e nelle sedi che riterranno più opportuni. ”.

 

E alla Independent cosa dite? Loro continuano a dire di avere informato in tempi di molto antecedenti a quelli comunicati dai sindaci il loro progetto .

 

In queste settimane sono circolate informazioni imprecise e distorte circa i rapporti intercorsi tra l’Independent e gli Amministratori dell’Area Nord. Tali notizie hanno contribuito a diffondere tra i cittadini una errata ricostruzione dei fatti, che ha alimentato speculazioni su quello che è stato il reale operato dei Sindaci nella vicenda.

 

Ci spieghi lei allora come sono andate le cose .

 

Nessun Sindaco ha mai autorizzato, approvato o sollecitato il progetto dello stoccaggio di gas a Rivara di San Felice, ma si è al massimo limitato, come dovere di ogni Amministratore, a chiedere ulteriori chiarimenti al riguardo. Di certo non corrisponde al vero che gli Enti locali siano stati informati in tempo e in corrispondenza con l’avvio delle procedure. Anche i Comuni, come i cittadini, sono stati tenuti all’oscuro fino all’ultimo momento. La prima documentazione attendibile del progetto è infatti pervenuta a seguito delle nostre sollecitazioni nella seconda metà di settembre.

 

Tempistiche a parte (anche se sono importanti e decisive per la trasparenza verso i cittadini) quali proposte avanzate alla società inglese?

 

Ho chiesto di rispondere formalmente e con la massima chiarezza e trasparenza alla mia lettera, comunicando quali siano stati gli Enti, gli Amministratori o i Funzionari contattati, dove tali incontri si sarebbero svolti, chi e quando avrebbe acconsentito alla loro proposta, anche al fine della tutela dell’immagine e della correttez
za dei Sindaci dell’Area Nord.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per

Una mossa tempestiva e anche simbolica

Giorgia Meloni è in Algeria per la sua prima visita di stato. E’ incentrata sull’energia nell’ottica del Piano Mattei, finalizzato a fare dell’Italia l’hub energetico del