‘Ndrangheta, Fava “Bravo sindaco, tenere alta la guardia!”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del segretario provinciale Pd Davide Fava sull’operazione “Perseverance”

 

“Un sincero plauso va al sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli che non ha esitato a denunciare di fronte a un’operazione che appariva opaca. Bravi coloro che hanno condotto le indagini che hanno compreso immediatamente il pericolo e sono riusciti ad arginarlo”: il segretario provinciale del Pd modenese Davide Fava plaude agli ottimi risultati dell’operazione “Perseverance”.  Ecco la sua nota:

 

“L’operazione Aemilia ha avuto il merito di portare alla luce una presenza criminosa purtroppo ormai insediatasi nelle nostre terre, ma non è riuscita a sgominare del tutto l’organizzazione che, pur decimata nelle sue fila, si è riorganizzata e ha ripreso a delinquere. E’ quanto ci dimostra, anche nel nome, la nuova maxioperazione “Perseverance”. La ‘ndrangheta nel modenese è ancora ben presente, ma altrettanto presenti sono gli anticorpi rappresentati dall’ottimo lavoro degli investigatori, delle forze dell’ordine, della magistratura e delle istituzioni locali. Un sincero plauso va al sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli che non ha esitato a denunciare di fronte a un’operazione che appariva opaca. Bravi coloro che hanno condotto le indagini che hanno compreso immediatamente il pericolo e sono riusciti ad arginarlo. Le nostre ottime istituzioni però hanno bisogno, per continuare a svolgere il loro lavoro, di strumentazioni e risorse adeguate alla minaccia. Da tempo, come Partito democratico, chiediamo l’innalzamento di Fascia della nostra Questura. Anche questo tipo di operazioni ci dimostra che ce n’è bisogno”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria