Nazionalità, non disabilità

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Fare il controllore è un lavoro ad alto rischio, ormai. Gli  insulti,le  aggressioni, gli sputi, lo staccamento di dita a morsi, i ferimenti col machete, (tutte notizie di cronaca)  sono all'ordine del giorno. E' lo scontro fra due ""scuole di pensiero"", fra chi pensa di usufruire gratuitamente  di ogni servizio possibile e immaginabile, compreso i mezzi di trasporto... e chi, invece,  deve verificare che  i viaggiatori, indipendentemente dalla nazionalità,  abbiano acquistato il biglietto e con esso il diritto di viaggiare. Nel caso del ragazzo disabile di Albinea, forse  il controllore poteva chiudere il proverbiale occhio.

 


 

Nei giorni scorsi, come riportato da Il Testo del Carlino, ad Albinea di Reggio Emilia un ragazzo con la sindrome di Down, per una svista  sua o di chi gli ha venduto il biglietto, in possesso di un titolo di viaggio non regolare (valido solo fino a Canali e non ad Albinea, cinque km. dopo) è stato multato dal controllore. Si è spaventato molto per l’umiliazione,   ingigantita anche dalla sua buona fede.  Successivamente, SETA (azienda pubblica dei trasporti) ha deciso di annullare la sanzione, porgendo anche le scuse al ragazzo e alla sua famiglia.
A questi link, entrambi gli articoli.

http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/ragazzo-down-multato-autobus-1.2567477

http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/ragazzo-down-multa-seta-1.2569123

Rimane lo sconcerto, e la malinconia, per una vicenda che va oltre  il singolo evento. La notizia del ragazzo, vulnerabile, inesperto o distratto, incolpevole e comunque scusabile, multato per un biglietto sbagliato,   mi ha colpito non per tanto e non solo per la disabilità del giovane, anche se essa è un’aggravante  per il comportamento scortese  del controllore, ma per il fatto che sia la sua stessa nazionalità, a renderlo  “”diverso””.

Diverso : una parola tristissima, con la quale  questo ragazzo e i suoi genitori certo devono fare i conti ogni giorno e in ogni circostanza. E non è tanto il biglietto sbagliato,  quanto la nazionalità, a rendere punibile  questo viaggiatore. E’ italiano e,pertanto,  soggetto giustamente alla legge, anche quando è in buona fede, anche quando l’infrazione è lieve, anche quando, forse, sarebbe stato più giusto, da parte del controllore, chiudere il proverbiale occhio.

La sua reazione, di fronte all’accaduto, è stata di rifiuto a tornare su un autobus che, come ogni mezzo pubblico, è comunque un’avventura  non certo piacevole, per tutti i comuni mortali.

Solo i privilegiati che viaggiano con la scorta attaccata ai glutei, in comode auto blu, in altrettanto comodi treni o aerei… possono ignorare quanto sia difficile e penoso, per  i normali cittadini, usare i mezzi pubblici, per brevi o lunghi tragitti, quando viaggiano occasionalmente per diporto o quotidianamente, come fanno i pendolari,  per recarsi al lavoro.

L’inciviltà è insopportabile, chiunque  ne sia colpevole… la “”furbizia”” per non usare altri termini, di chi non paga il biglietto, altrettanto. Fatto sta che  gli eventuali incivili e i “”dritti”” italiani vengono regolarmente  multati se sorpresi con documento di viaggio non idoneo, o in assenza di esso; altrettanto, se si comportano in modo  non consono, infastidendo  gli altri viaggiatori.

Non mi è mai accaduto, invece,  di assistere a una lavata di capo per  qualche straniero. Eppure, di comportamenti incivili e indecenti ne ho visti e non pochi.

Dall’occupare più posti, letteralmente stravaccandosi…  a mettere  i piedi, con le scarpe, o  scalzi e olezzanti, sul sedile di fronte… dal telefonare a voce talmente alta da sovrastare persino  il rumore del treno… a gettare a terra lattine schiacciate e cartacce…

A questo, come dicevo, si aggiunge la singolare certezza che tutto sia loro dovuto, trasporto pubblico compreso, certezza che li fa semplicemente salire sul mezzo, autobus o treno che sia,  saltando noiose code agli sportelli o ai distributori automatici di biglietti.

Queste cose le lasciano fare agli italiani, così come pagare per le eventuali infrazioni. E comunque,  se il controllore  osa chiedere il biglietto… possono sempre rispondere con insulti, spintoni, sputi, morsi… o tirando fuori un machete. Utilissimo, per ch viaggia.

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Vi illustro brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta e che non hanno molto tempo a disposizione.

 

Nazionalità, non disabilità

di A.D.Z.

Europa senza confini

di Massimo Nardi

Un’Europa senza confini? Cui prodest? Sicuramente alla minoranza delle grandi aziende economiche che domina il mercato e non alla maggioranza dei popoli

L’analisi di Cesare Romiti sull’Italia di oggi da ricostruire. Possibilmente senza più Guelfi e Ghibellini

di Alberto Venturi

Considerazioni e riflessioni sull’intervista rilasciata  a Il Corriere della Sera dallo storico  ex numero uno di Fiat, rimasto al volante della più grande impresa italiana per 22 anni.

Borghi d’Autore

di Alex Scardina

Un  viaggio fra alcuni dei borghi più suggestivi del territorio che si racconteranno attraverso la propria storia, cultura e tradizione aprendo i propri palazzi, giardini, luoghi anche meno conosciuti per accogliere il visitatore e accompagnarlo in questa esperienza come protagonista.

Elogio del Muro

di Diego Marchiori

Uno degli slogan più in voga recita  “costruire ponti, abbattere i muri”, in linea con la narrazione di un mondo utopico, multiculturale e multietnico. Ma se  “la realtà è più importante dell’idea”  e ci si accorge che i muri,  sì,  dividono, ma pure proteggono, demarcano, segnano un limite, differenziano, distinguono, identificano.

Essendo Stato

di Euge
nio Benetazzo

Quanto costa lo Stato italiano ? Ossia quanto costano tutti gli enti istituiti previsti all’interno della tanta amata Costituzione italiana ? Per rispondere a tal quesito possiamo far riferimento ad una funzionale bipartizione tra organismi che attengono all’Amministrazione Centrale e quelli delle Amministrazioni Locali.

Ora o mai più

di Adalberto De’ Bartolomeis

Chiarezza e semplicità non fanno parte, purtroppo, del sistema politico italiano. Riferiti, appunto, allo Stato italiano, rappresentano esattamente l’opposto, per cui i suoi stessi cittadini, puntualmente,  si trovano nel dilemma di dovere “”soffrire””, ogni qualvolta sono chiamati a un voto referendario.

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 533 – 205.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12