Napoleon

Condividi su i tuoi canali:

“Colpire l'Italia, la terza forza dell'Europa, attraverso il Leviatano, leggasi debito pubblico (si muove strisciando e dimora in essa) in un periodo così complesso è molto semplice, e Sarkò lo sa.” art. di Alex Scardina

 

 

Signori, preparate i forconi.

Napoleone è pronto per scendere in Italia. Il condottiero ha come obiettivo aggiungere a Nizza ed alla Savoia il nostro tessuto economico-produttivo. Manifattura, Made in Italy, multiutility. Ovviamente non si tratta di una cronaca tratta dal 1796 e nemmeno della trama di un film; questa è la contemporaneità. Colpire l’Italia, la terza forza dell’Europa, attraverso il Leviatano, leggasi debito pubblico (si muove strisciando e dimora in essa) in un periodo così complesso è molto semplice, e Sarkò lo sa.

L’offensiva napoleonica è tanto lineare quanto semplice. Il primo passo prevede l’inasprimento della morsa sul debito.

Questo produce da una parte la necessità di nuovi provvedimenti economici ristrettivi e depressivi, dall’altra l’aumento della sfiducia della popolazione italiana. Nel momento in cui tutto questo si verifica è necessario muovere una seconda offensiva contro il Leviatano. Tutto questo non vi pare familiare?

A questo punto la maggior parte del lavoro è stato realizzato. Sì, perché cala la fiducia dei mercati ed iniziano i declassamenti, provenienti dalle agenzie di credito che sono finanziate dallo stesso Napoleone. Boom, la borsa scende e i tassi di interesse sui titoli di stato salgono. L’effetto di questo cocktail è quello di annichilire tutti i provvedimenti economici fin qui presi. Il paese, per non tornare a piagare il proprio popolo, è costretto a vendere i gioielli di famiglia. Anzi, correggo, svendere industrie e utilitiy. Sì perché abbiamo detto che la borsa va giù e con essa anche la capitalizzazione delle società quotate, tutte le più importanti. Rispetto a pochi mesi prima il supermercato italiano è in grado di offrire il prendi tre e paghi due.

Quali speranze ha l’Italia? O aspetta che Napoleone inizi la campagna di Russia, principio della fine, o lo cattura e lo rinchiude a Sant’Elena. Ma c’è una terza possibilità: se Sarkò, come pare, dimenticherà di uccidere il Leviatano, questo regnerà comandando in modo crudele e spietato (così descrive Giobbe questa creatura nella Bibbia)…perché nessun arma può scalfirlo!

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Viva Natale, tra sogni, botteghe e castelli

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Viva Natale, tra sogni, botteghe e castelli Giovedì 8 DicembreCastelvetro di Modena Con il Mercatino Natalizio dell’enogastronomia e dell’artigianato si apre la

DA DOMANI SASSUOLO ACCENDE IL NATALE

Come da tradizione domani, 8 Dicembre Festa dell’Immacolata Concezione, a Sassuolo inizia ufficialmente il periodo di avvicinamento al Natale con l’accensione delle luminarie in tutto

“Misteri e Magie in galleria”

Domenica 11 dicembre ultimo appuntamento con la rassegna di animazioni per bambini Nuova tappa della rassegna dedicata ai bambini che si svolge al Castello di