Muzzarelli su Rivara

Condividi su i tuoi canali:

None

“In riferimento alle notizie sul deposito di Rivara in provincia di Modena, uscite oggi sulla stampa  quello che deve essere chiaro è che, a prescindere dalle valutazioni sulle capacità patrimoniali dell’impresa, non sono certo venute meno le forti perplessità.

E’ quindi opportuno ribadire quanto già detto a Sindaci e Comitati: il progetto sarà analizzato ed indagato con il costante coinvolgimento dei rappresentanti del territorio.

La Regione dunque, in costante raccordo con enti locali e cittadini, intende mantenere l’impegno ad un’attenta valutazione dei preoccupanti dati tecnici, impegno che la Giunta mi ha ribadito anche in queste ultime ore.

I tecnici di Provincia e Regione, nell’ambito della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, hanno pertanto il compito di studiare il progetto e le sue integrazioni anche alla luce del principio di precauzione (che sempre la Regione applica, ed è ancora più vincolante per questa situazione), e delle forti perplessità tecniche e politiche: il deposito non è infatti considerato un’opera di interesse strategico, ed è chiaro che il parere deve essere negativo se, come appare, non dovessero essere presenti tutte le garanzie per la piena sicurezza della salute dei cittadini, dell’ ambiente e del territorio”.    

 

Il presidente della commissione regionale ‘Territorio Ambiente Mobilità’ –

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo