Mozziconi, siringhe, immondizie… e altro ancora.

Condividi su i tuoi canali:

E, già che ci siamo, credo sia  utile pensare a sanzionare anche chi  adibisce a latrina ogni via e ogni angolo delle città, ogni piccolo appezzamento erboso, ogni  muro,  rendendo certe  zone vere e proprie  latrine a cielo aperto,  invivibili e fetide.

Appartengo alla generazione di bambini le cui mamme, benchè  amorevoli e attente, quanto e più  delle mamme moderne, erano anche  dispensatrici di qualche scappellotto salutare. Questo, oltre che non lasciare traccia sulla nostra delicata psiche, a distanza di anni, al contrario, desta un moto d’affetto per la mamma in questione, ora divenuta una fragile vecchia signora,  un sorriso  di nostalgia e la  certezza che quegli scappellotti  erano meritati…ad esempio quando gettavamo qualcosa per terra.

Un vero delitto!

Oltre che essere ovviamente obbligati a raccogliere qualsiasi  cosa avessimo gettato, arrivava, puntuale come un orologio svizzero, lo scappellotto  accompagnato dal rimbrotto. Solo i bambini maleducati buttavano a terra le cose.

Altri tempi.

Oggi, forse solo i bambini non gettano più nulla per terra; per il resto… dal biglietto del mezzo pubblico, dalla disgustosa gomma americana masticata, alla carta di caramella e via dicendo, è tutto un gettare a terra.

Fra le porcherie delle quali gli adulti si liberano, fino ad ora nella certezza dell’impunità, regna sovrano il classico mozzicone di sigaretta.  Ho accolto con grandissimo favore, la legge  del 28 dicembre 2015 n.221 che sanziona, con multe da 30 a 300 euro,  dal prossimo 2 febbraio, il gesto di gettare un mozzicone di sigaretta per terra o nelle acque e negli scarichi.

Finalmente, cercano di rendere le nostre città e paese, posti civili e non discariche. 

Mi aspetto,  in quest’ottica, di conoscere quali provvedimenti verranno presi anche  verso chi, come testimoniano le foto, in  via Munari, (Fonte Gazzetta di Modena) proprio di fronte al parcheggio della stazione dei treni e a Modena Nord nei pressi di quello che è ormai un hotel fantasma, l’ex hotel Idea, (Fonte Gazzetta di Modena video) lascia bottiglie, siringhe, immondizia varia… 

Ci vogliono sanzioni, quindi, anche per questi incivili e,  già che ci siamo, credo sia  utile pensare a sanzionare anche  chi, scambiando per latrina ogni via e ogni angolo delle città, ogni piccolo appezzamento erboso, ogni  muro,  rende queste stesse città latrine a cielo aperto. invivibili e fetide.

 

^^^^^^^^^^^^

Come sempre, presento brevemente il numero on line da oggi. Vi ricordo che i link in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta  e   non hanno molto tempo a disposizione.

Un altro piccolo grande traguardo per Bice

Redazionale

Con questo numero, Bice  è arrivata al n. 500. Un altro piccolo grande passo avanti, compiuto grazie a voi Lettori.

Mozziconi, siringhe, immondizie… e altro ancora

di A.D.Z.

E, già che ci siamo, credo sia  utile pensare a sanzionare anche chi  adibisce a latrina ogni via e ogni angolo delle città, ogni piccolo appezzamento erboso, ogni  muro,  rendendo certe  zone vere e proprie  latrine a cielo aperto,  invivibili e fetide.

Ma in che mondo hanno vissuto gli italiani fino a ieri?

di Massimo Nardi

Memori del detto -Va tutto bene, madama la Marchesa-  per anni si sono fatti i fatti loro e solo ora hanno scoperto il malaffare? Certo, davanti ai casi più evidenti e clamorosi la mannaia della giustizia cala implacabile. Eppure, si continua a tirare avanti alla meno peggio, spegnendo un riflettore su un avvenimento e accendendone un altro sul nuovo.

Sbilanciamoci! E’ possibile un altro sviluppo.      

di Alberto Venturi

Bisogna cambiare strada: quella che stiamo percorrendo non è l’unica, rischia anzi di essere quella sbagliata. Faremmo bene a domandarcelo più spesso e farebbero meglio i media a domandarselo più spesso, invece di salotti dove l’unica divergenza riguarda chi deve sedere nella stanza dei bottoni.

Attenzione! Attenzione! 

di Paolo Danieli

L’uomo messo lì, non dalla Provvidenza ma dalla finanza internazionale senza aver preso un voto, cerca la legittimazione attraverso una scorciatoia: il referendum che dovrà confermare o abrogare la riforma della Costituzione che lui ha fatto approvare dal Parlamento. Un Parlamento, è bene ricordarlo, delegittimato dalla Corte Costituzionale.

Il disegno egemonico di Renzi

di Diego Marchiori

Addio distinzione dei poteri, fondamentale negli Stati moderni?  Con le riforme di Renzi il Governo ha un potere quasi assoluto. In due anni di riforme (Senato, Province, legge elettorale) i cittadini sono privati del fondamentale diritto/dovere di esercitare la sovranità con lo strumento del voto.

“Le Cricche”         

di Adalberto De’ Bartolomeis

Il  Ministero delle Pari Opportunità preferisce affrontare tematiche di giustizia sociale ricorrendo al riconoscimento delle coppie di fatto e ai matrimoni tra gay. Concede corsie preferenziali di assistenza ai profughi a vario titolo. In una classifica di serie “B” o “C”. lo si potrebbe definire Ministero delle Pari Diseguaglianze perché non esistono pari opportunità.

 

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 500- 168 di Bice

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati