Modena: “”il centro storico””

Condividi su i tuoi canali:

None

Ancora una volta sul quotidiano leggo l’ennesima protesta dei lettori per la cosidetta “”morte del centro storico”” determinata dalla fuga dei piccoli negozi e dalla mancanza di parcheggi.

Ritengo che chi ha scritto quelle lettere o risiede a Modena da poco o è privo di memoria storica. La Modena della “”vasca”” e dei negozietti ha cominciato a morire alla fine degli anni ’70 con la chiusura degli storici negozi, anche alimentari, per fare posto prima a boutiques, poi a banche, negozi di ottica, telefonia ecc..ecc.. : forse a quel tempo le esigenze dei modenesi erano quelle!

Ora restano solo alcune boutiques di qualità sì ma con prezzi stellari e piccoli negozi di abbigliamento che ti propongono mode superate da almeno un paio di anni. Per gli acquisti di generi alimentari rimane il mercato di piazza XX, accessibile sia in autobus che in bicicletta ( che io uso regolarmente, nonostante debba poi superare un cavalcavia ) ; quella della mancanza dei parcheggi è un alibi perché la stragrande maggioranza dei clienti del mercato XX è composta da anziani che usano i mezzi che ho citato.

E’ ora, come dice un famoso manager in questi giorni, che ognuno si prenda le proprie responsabilità, troppo comodo accusare sempre gli attuali amministratori, anche i commercianti hanno le loro colpe e, per prima, una visione troppo miope del commercio, volta solo a immediati guadagni e priva di investimenti di qualità. L’unica cosa che sanno fare è dare la colpa dei loro scarsi affari ai parcheggi mancanti e alla dipartita di alcuni banchi di “”stracci america””, dislocati in altra sede ben più consona alla scarsa qualità della merce esposta. A proposito di acquisti spiccioli di gastronomia: se proprio si vuole comprare un etto di prosciutto si può sempre andare negli unici due negozi rimasti in centro, che praticano prezzi da gioielleria…

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Car* amic*,

ogni anno a Natale il Presidio vi dà la possibilità di fare un regalo che contiene il frutto del riscatto e della speranza: le nostre