Modena: controlli alla fiera di S. Antonio

Condividi su i tuoi canali:

None

Il 79% dei controlli effettuati sono risultati irregolari. Sequestrati capi di abbigliamento contraffatti.

 

Nel fine settimana si e’ svolta in città’ la tradizionale fiera di S. Antonio nell’ambito della quale la Guardia di Finanza di Modena ha svolto  una mirata attivita’ ispettiva finalizzata al:

  controllo della regolare emissione dello scontrino e della ricevuta fiscale;

  contrasto alla contraffazione dei marchi.

 

Nel corso dei controlli effettuati, nei quali sono stati impiegati 12 militari, circa il 79% ha dato luogo alla constatazione di infrazioni.

Delle 40 ispezioni effettuate nr. 30 hanno permesso di constatare la mancata emissione della documentazione fiscale.

L’andamento percentuale delle infrazioni rilevate rispetto ai controlli totali effettuati lo scorso anno, alla stessa fiera, ha evidenziato un incremento di soggetti verbalizzati  pari a circa il  10%.

Nel corso dell’attivita’ e’ stato fermato un  extracomunitario, con regolare permesso di soggiorno, trovato in possesso di circa 40 capi di abbigliamento contraffatti di alcune note griffe nazionali ed internazionali fra cui  (Moncler – Golce e & Gabana – Fred Perry – Nike).

Il responsabile dell’illecita detenzione, un cittadino di origine magrebina, e’ stato denunciato a piede libero per contraffazione e ricettazione per violazione degli artt. 474 – 517 – 648 del c.p. che prevedono, quale sanzione, la reclusione da 1 a 4 anni e la multa da €. 3.500 a €. 35.000.  

 

Guardia di Finanza

Il Comandante Provinciale

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo